Cosmo – Siamo tutti una rete

Cosmo indagherà, su come scoperte e innovazioni stiano cambiando la nostra vita, per riunire genitori e figli davanti alla tv. Mirando ad “attualizzare” la scienza, racconterà il mondo degi atleti bionici con un ritratto della modella e attrice Aimee Mullins, il Pistorius in gonnella, oltre che della giovane fiorettista italiana Beatrice Vio: entrambe hanno ricominciato a vivere con arti “bionici”.

Tra gli altri temi trattati, l’obesità infantile vista da Alice Waters, la nutrizionista che ha lanciato una campagna affinché in tutte le scuole del mondo venga insegnata una nuova cultura del cibo, l’intelligenza e i modi per incoraggiarla, dall’ottica di una scuola per piccoli geni, e la creatività, scoprendo che nel leggendario MIT di Boston – a capo di molte avanzate aree di ricerca – ci sono giovani scienziati italiani.

E, ancora, l’innovazione tecnologica per la previsione delle eruzioni vulcaniche, attraverso gli studi dei migliori scienziati italiani, oltre che il corpo di sportivi di generazione diverse a confronto: un vero e proprio screening comparerà la fisicità ‘incolta’ di Gianni Rivera, a sua volta intervistato, a quella dei ‘pompati’ calciatori odierni. Si parlerà persino di sesso in una prospettiva ulteriormente inedita: a quanto pare, nel regno animale, i transgender sono più diffusi di quanto si creda.

Tutto ciò, insomma, che può influire sul nostro futuro verrà riletto nelle sue implicazioni cognitive e sociologiche dal team di inviati, composto dal chimico Dario Bressanini, il tecnologo Riccardo Meggiato, l’architetto e giornalista Elisabetta Curzel, la giornalista Alessandra Viola, il medico e giornalista scientifica Silvia Bencivelli e la docente di epistemologia delle scienze Chiara Lalli.

 

Leggi anche:

Vaccini e sistema immunitario for nibbies

Nella realtà clinica non esiste -per nessun vaccino- una statistica sugli insuccessi: esiste solo il fallimento vaccinale...

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi