Cosmo – Il cibo italiano tra storia e scienza, tra biologico e Ogm

In libreria come in televisione, la riscoperta del cibo e della nostra cultura gastronomica sono diventati fenomeni di successo e anche un occasione di business. Ma quando e come è nata la cucina italiana così come la conosciamo? Il cibo biologico è solo una moda o fa davvero bene alla nostra salute? Ed è giusto bloccare la ricerca scientifica nel nostro Paese sugli Ogm? Il cibo italiano, tra storia e scienza: è questo l’argomento della quarta puntata di “Cosmo”, un programma ideato da Gregorio Paolini e condotta da Barbara Serra.Dall’università piemontese di Bra, dove il movimento “Slow Food” fondato da Carlo Petrini è diventato una facoltà scientifica vera e propria ai campi della campagna italiana dove i fautori del biologico e quelli che vorrebbero utilizzare organismi geneticamente modificati combattono da anni una battaglia a colpi di divieti.  Dalle ricostruzioni delle tavole imbandite nel Medioevo e nell’antica Roma al viaggio nei supermarket americani dove il cibo italiano è un prodotto di qualità sempre più richiesto ma spesso contraffatto. Nella nostra società opulenta mangiamo meglio o peggio rispetto alla frugalità, spesso obbligata, dei nostri nonni? E come mangeremo noi italiani domani?

A queste domande cercheremo risposte nei servizi girati, in Italia e nel mondo, dai videomaker di Cosmo coi nostri inviati Amedeo Balbi, Elisabetta Curzel, Alessandra Viola. In studio la giornalista Barbara Serra ne discuterà con ospiti ed esperti.

video
play-rounded-fill

fonte

Leggi anche:

Tracing e Credito Sociale

Siamo proprio sicuri che la tecnologia sia al servizio della società?

Editing genetico, esseri umani geneticamente modificati e Golem Babies in Cina. C’è un’altra agenda…

... una moratoria mondiale sulle unità genetiche e l'editing genetico finché la scienza non può essere definitivamente dimostrata sicura.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi