Vaccinazioni obbligatorie: Governo e Media censurano gli scienziati

By Robert F. Kennedy, Jr. – 29 agosto 2017

Voltando le spalle al principio dei diritti umani del consenso informato volontario evocato nel codice di Norimberga dopo la seconda guerra mondiale, le autorità sanitarie in Francia e in Italia stanno accelerando l’obbligo per i bambini in età scolare. In Italia, milioni di italiani stanno dimostrando da giugno, protestando per le violazioni ai diritti parentali. Il 28 luglio, il parlamento italiano ha votato (296-92) per passare una legge unica-misura-tutto che mandate dosi multiple di dieci vaccini per i prescolari attraverso gli adolescenti, imponendo sanzioni per i genitori che non sono conformi. I media mainstream in Italia e negli Stati Uniti hanno ignorato le proteste dei record contro la coercizione medica.

I vaccini sono un grande business, le nuove leggi sull’obbligo vaccinale assicureranno un continuo flusso di ricavi stimato in 32 miliardi di dollari, nonostante la gente perda continuamente fiducia nelle vaccinazioni.

Perché l’Italia? E perché ora? Il settore farmaceutico italiano è uno dei più grandi del mondo. I vaccini sono un grande business, le nuove leggi sull’obbligo vaccinale assicureranno un continuo flusso di ricavi stimato in 32 miliardi di dollari, nonostante la gente perda continuamente fiducia nelle vaccinazioni. Un recente studio ha riscontrato diffusi dubbi tra i cittadini Italiani e Francesi sull’importanza e la sicurezza dei vaccini. Una cascata di recenti studi scientifici ha descritto l’emergere di nuove malattie autoimmuni legate al vaccino e lo stato di salute inferiore dei vaccinati rispetto ai bambini non vaccinati. Inoltre film, notizie e indagini governative hanno denunciato una diffusa corruzione tra i favorevoli all’obbligo del vaccino, gli sforzi del governo per nascondere reazioni avverse gravi sul vaccino e l’intimidazione degli scienziati che pubblicano dati contrari all’ortodossia che tutti i vaccini sono sempre sicuri per tutti i bambini .

Uccidi il Messaggero

Un importante studio, pubblicato all’inizio del 2017 nell’International Journal of Vaccines and Vaccination da parte di due scienziati italiani molto apprezzati, solleva nuove allarmanti domande sul controllo qualità dei produttori di vaccini con implicazioni per il dibattito sulla sicurezza. In collaborazione con il fisico dott.ssa Antonietta Gatti e il farmacista dott. Stefano Montanari, lo studio ha scoperto la presenza quasi universale nei vaccini di “corpi stranieri inorganici micro, sub-micro e nanosizzati” e “detriti”,  ingredienti non dichiarati nei foglietti illustrativi.

In ogni vaccino umano, Gatti e Montanari hanno trovato una vasta contaminazione, incluse nano particelle di piombo o acciaio inossidabile in tutti i campioni di vaccino analizzati; Cromo in più della metà (25/44); Tungsteno in quasi un quinto (8/44); e molte altre varietà di particelle metalliche.

In un mondo ragionevole, la sorprendente constatazione che i vaccini sono ampiamente contaminati da particelle di metalli pesanti sarebbero notizie da “prima pagina” e i due ricercatori che hanno scoperto la contaminazione sarebbero stati accolti come scienziati diligenti dedicati a migliorare la sicurezza dei vaccini. Invece, i dottori Gatti e Montanari sono diventati obiettivi per minacce violente su Facebook. Gli accusatori denunciano il loro meticoloso lavoro di laboratorio come “pseudoscienza” e invitano i due scienziati ad essere “picchiati fino a sanguinare”, “segnalati”, “presi a calci” e “cacciati dall’ordine dei medici” per farli “capire che hanno bisogno di rimanere in silenzio.”

Un esercito di troll e blogger dell’industria farmaceutica ha messo sotto pressione l’editor del giornale per “cancellare” lo studio, pubblicato dopo un rigoroso processo di riesame di pari livello. Anche se queste tattiche sono riuscite a intimidire l’editor, l’articolo è in piedi. Gatti e Montanari credono così fortemente nell’integrità delle loro scoperte che hanno fatto sapere che faranno causa se la rivista dovesse cancellarlo.

Nonostante la passione dei loro attacchi, i blogger dell’industria sono stati costretti a trovare un errore sostanziale per le metodologie di Gatti/Montanari. Guido Silvestri, che lavora presso un centro vaccinale ad Atlanta, ha fatto un colpo di punta allo studio Gatti-Montanari sul Facebook italiano applicando una legge di chimica del XIX secolo chiamata il Numero di Avogadro. Silvestri ha frainteso la legge di Avogadro, che si applica solo ai gas e non può calcolare le concentrazioni di nanoparticelle. Secondo i dott.ri Gatti e Montanari, il medico “ha sbagliato di 13 ordini di grandezze, ma non capisce neanche il suo errore”.

Gatti e Montanari ritengono che il sistema immunitario sia danneggiato permanentemente da queste particelle composite, che costituiscono “un composto più grande che non è biodegradabile e può indurre effetti negativi”, compresi i problemi autoimmuni immediati e differiti.

Perché lo studio del contaminante del vaccino è importante

Gatti e Montanari lavorano nei campi emergenti della nanopatologia e della nanotossicologia. I due ricercatori hanno coniato il termine “nanopatologia” nei primi anni 2000 dopo aver trovato che le nanoparticelle (particelle di dimensioni inferiori ai 100 nanometri) “inducono effetti molto più gravi [salute]” rispetto alle particelle più grandi. Come spiegano, la dimensione minima lo rende “estremamente più facile” perché le particelle si infiltrino nei tessuti del corpo.

I dott.ri Gatti e Montanari hanno utilizzato la tecnologia avanzata del microscopio elettronico per esaminare fisicamente i contaminanti inorganici e particolati nei vaccini e identificare la loro composizione chimica. Hanno valutato 44 vaccini fabbricati in Italia e in Francia (43 vaccini umani e un vaccino veterinario), avendo cura di includere diversi tipi, lotti e anni di produzione. In ogni vaccino umano, Gatti e Montanari hanno trovato una vasta contaminazione, incluse nano particelle di piombo o acciaio inossidabile in tutti i campioni di vaccino analizzati; Cromo in più della metà (25/44); Tungsteno in quasi un quinto (8/44); e molte altre varietà di particelle metalliche.

Ironia della sorte, il singolo vaccino veterinario è stato testato come “pulito”, dimostrando che è possibile produrre un vaccino privo di detriti. Gatti e Montanari ritengono che il vaccino incontaminato sia un omaggio al prosciutto, un prodotto culinario sacro in Italia. Gli allevatori del maiale, consapevoli che gli adiuvanti in alluminio nei vaccini danneggiano la loro carne, hanno avuto un sufficiente potere per ottenere con successo i vaccini veterinari non contaminati.

Uno dei risultati più rilevanti dello studio è stato l’individuazione di “compositi organici-inorganici” che rappresentano una “interazione nano-bio” tra le particelle inorganiche e le componenti organiche (proteine) del vaccino. Gatti e Montanari ritengono che il sistema immunitario sia danneggiato permanentemente da queste particelle composite, che costituiscono “un composto più grande che non è biodegradabile e può indurre effetti negativi”, compresi i problemi autoimmuni immediati e differiti.

Le domande che dobbiamo porre

Il Dr. Gatti ha preso in considerazione diverse ipotesi sulle origini della contaminazione del vaccino, inclusi i protocolli di linea scadenti nel processo produttivo. Secondo Gatti, “le strutture devono essere veramente pulite per assicurare che la polvere e gli inquinanti non trovino posto nei vaccini. Se i laboratori non hanno una corretta filtrazione, allora questo tipo di contaminazione è possibile. E, purtroppo, non esistono norme che richiedono ai produttori di fare questo tipo di controllo di qualità, anche se i produttori sanno che c’è qualcosa di sbagliato. “In breve, i produttori” non vedono il bisogno di spendere più soldi sul controllo di qualità “.

Gatti e Montanari ritengono sia urgente la necessità di ulteriori studi sull’associazione tra i detriti e gli eventi avversi correlati al vaccino. “Non sappiamo ancora se i tipi di eventi avversi che derivano da vaccini sono il risultato degli additivi di alluminio o delle interazioni nano-bio o di qualcos’altro. Ecco perché è così importante studiare gli effetti dei materiali nano-bio all’interno del sangue e del corpo “.

L’esposizione tramite iniezione è nota per indurre reazioni di tossicità rispetto all’infezione o all’ingestione. Uno studio sui topi ha scoperto che il percorso di esposizione è stato un fattore cruciale che influenza la tossicità e che i composti somministrati per via orale hanno mostrato una “diminuzione della tossicità … rispetto alla via di iniezione”. Gli scienziati concordano sul fatto che “le nanoparticelle a base di metallo ingegnerizzate possono traslocare nei tessuti” secondo Gatti e Montanari, quando entrano nel corpo attraverso l’iniezione, “rimangono lì per sempre”.

Un altro punto è che la barriera di sostanze tossiche e degli ingredienti nei vaccini (compresi alluminio, thimerosal, formaldeide, antibiotici e “sistemi adiuvanti” che coinvolgono lo squalene e il polisorbato 80) “hanno un’azione sinergica, … aumentando il loro potenziale aggressivo”. I tossicologi sanno che, con le tossine uno più uno raramente equivale a due ma, nelle parole della dott.ssa Gatti, “sempre un numero più elevato”.

Infine, la dott.ssa Gatti osserva che “i contaminanti potrebbero non essere distribuiti omogeneamente all’interno di un determinato lotto di vaccini. Ad esempio, il fondo del contenitore potrebbe essere più contaminato della parte superiore, il che potrebbe spiegare perché alcune persone non hanno reazioni e altre si.”

I dott.ri Gatti e Montanari consigliano una serie di argomenti di ricerca che dovrebbero costituire la base di seri sforzi per migliorare la sicurezza dei vaccini:

  • Studiare significativamente gli effetti negativi sulla salute degli additivi di alluminio
  • Analizzare il cervello dei neonati che muoiono immediatamente dopo la vaccinazione
  • Continuare a monitorare la contaminazione di micro e nanoparticelle nei nuovi e già esistenti vaccini
  • Condurre studi sugli animali per valutare gli effetti della contaminazione micro e nanoparticelle
  • Valutare il processo di iniezione stesso, dato l’uso di aghi metallici lucidati con carburo di tungsteno che possono lasciare residui metallici

… la barriera di sostanze tossiche e degli ingredienti nei vaccini (compresi alluminio e thimerosal, formaldeide, antibiotici e “sistemi adiuvanti” che coinvolgono squalene e polisorbato 80) “hanno un’azione sinergica. . rafforzando il loro potenziale aggressivo “.

Seguite i soldi

Purtroppo, in Italia, come negli Stati Uniti, seri studi sulla sicurezza dei vaccini affrontano praticamente insormontabili sospetti. Il ministro della Salute italiano, Beatrice Lorenzin, ha espressamente “proibito” ogni ricerca sulle nanoparticelle nei vaccini. Lorenzin ha aggirato aggressivamente il passaggio della legge che obbliga i vaccini per bambini. Lorenzin, ex giornalista, non ha alcuna formazione al di là della scuola media ordinaria. Gatti e Montanari sottolineano che “non ha conoscenza della chimica o della biologia”. Aggiungono: “Se lei menziona la ricerca di nanoparticelle, si arrabbia”. Secondo i due ricercatori, Lorenzin “non comprende la scienza, ma lei capisce il denaro” e si basa per la guida sul Dott. Ranieri Guerra, il Direttore Generale per la Prevenzione del Ministero della Salute. Guerra ha lavorato al consiglio di amministrazione della Smith Kline Foundation italiana. La Fondazione Smith Kline riceve il sostegno finanziario del partner fondatore GlaxoSmithKline (GSK). Le organizzazioni di difesa dei consumatori in Italia hanno criticato duramente Guerra per i conflitti d’interesse.

Proteste in Italia obbligo dei vaccini – luglio 2017

Un anno prima dell’approvazione della legge sui vaccini obbligatori, un rapporto di notizie di aprile 2016 ha indicato che GSK-Italia “raddoppiò” sul portafoglio vaccino e “scommette 1 miliardo di euro sull’Italia”. La società farmaceutica sta rafforzando una ricerca sui vaccini e centro di sviluppo a Siena e un impianto per la produzione di vaccini a Rosia. L’articolo ha citato il presidente globale dei Vaccini GSK, che ha caratterizzato il ramo vaccino di GSK come un “motore di innovazione” e garantisce la sostenibilità a lungo termine dell’azienda. Lo stesso Executive di GSK ha descritto il ruolo fondamentale dell’Italia come un hub per la ricerca e la produzione di vaccini come “un passo insignificante” verso ulteriori “progressi” nel mercato del vaccino.

I politici italiani sono stati storicamente importanti sostenitori di politiche aggressive contro il vaccino. Nel 2009-2010 il governo italiano (tramite i contribuenti) ha acquistato 24 milioni di vaccini contro l’influenza aviaria mai utilizzati. I vaccini inutilizzati sono stati gettati via, ma, dice il dottor Montanari, “le aziende hanno fatto un sacco di soldi.” Riferendosi a questa situazione come “flop”, il quotidiano italiano La Repubblica ha riferito il costo dei vaccini non utilizzati, mentre l’apparente “pandemia” è evaporata.

Il dottor Montanari vede la nuova legge sui vaccini come un esperimento sociale e medico: “Il governo e l’industria farmaceutica vogliono vedere cosa succede quando 60 milioni di persone sono costrette a essere vaccinate”.

Il consenso volontario del soggetto è assolutamente indispensabile

 

Fonte: https://worldmercuryproject.org/news/fast-tracking-mandatory-vaccination-government-media-muzzle-scientists/

Leggi anche:

Infanrix Hexa e morte improvvisa: una revisione dell’aggiornamento dei rapporti periodici della sicurezza presentati all’Agenzia Europea per i Medicinali

Ci sono stati diversi rapporti spontanei di morte improvvisa inattesa subito dopo la somministrazione di Infanrix Hexa

Le iniezioni sottocutanee di alluminio (sali), usato come adiuvante nei vaccini, attivano i geni immunitari innati nel cervello del topo che sono omologhi ai biomarkers dell’autismo

I meccanismi sottostanti alla neurotossicità dell'alluminio come adiuvante nei vaccini sono stati studiati.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi