Perchè Slate mette in dubbio Gardasil?

Slate è un giornale mainstream in USA, anche loro stanno iniziando a porsi domande su come venga rilevata e approvata la sicurezza dei vaccini.

I benefici del vaccino HPV superano ancora ogni potenziale danno. Ma il processo scientifico dietro Gardasil era imperfetto e il pubblico merita di saperlo.

17/12/2017.

Sono stata vaccinata con Gardasil nel 2007, subito dopo l’approvazione del vaccino. Se dovessi affrontare la scelta oggi, mi farei comunque vaccinare con Gardasil, anche dopo la lettura dell’articolo di Fred Joelving che descrive i problemi della sperimentazione clinica con l’obiettivo di garantire l’efficacia e la sicurezza del vaccino prima dell’approvazione. Questo perché la decisione sulla vaccinazione è una decisione che comporta la valutazione delle prove sui potenziali benefici rispetto a potenziali danni e, ai miei occhi, i potenziali benefici superano di gran lunga i potenziali danni. Gardasil ha dimostrato di prevenire efficacemente l’HPV, è anche molto probabile che riduca le possibilità di cancro cervicale. Gardasil non ha dimostrato di avere effetti collaterali significativi.

Ciò che la storia di Joelving suggerisce, grazie alla sua notevole ed esaustiva segnalazione, è che le sperimentazioni cliniche in cui Gardasil è stato testato, potrebbero essere state progettate in modo inadeguato e che questa inesattezza, avrebbe reso lo studio incapace di valutare accuratamente se il vaccino causa disordini autoimmuni in un numero molto piccolo di giovani donne geneticamente predisposte che lo ricevono. A mio parere, anche se il vaccino causa disordini autoimmuni, in un numero molto piccolo di donne geneticamente predisposte al virus, il vaccino è in grado ci compensare i potenziali danni.

La verità è che la scienza può essere imperfetta e le prove possono essere incomplete.

Dal mio punto di vista, questa storia ha importanti implicazioni per la salute pubblica. Perché anche se si scopre che Gardasil non causa disordini autoimmuni (il che è possibile), resta il fatto che questi studi sono stati probabilmente progettati per non essere in grado di valutare in modo affidabile questa potenziale relazione. E per me, questo è preoccupante perché gli studi clinici, in particolare quelli usati per valutare la medicina che saranno utilizzati su un gran numero di persone in modo profilattico, dovrebbero essere in grado di fare tali valutazioni. E se abbiamo fallito su questo fronte, dovremmo saperlo, quindi possiamo correggerlo. Questo è il modo in cui la scienza dovrebbe funzionare.

Se questa storia riguardasse qualsiasi altra cosa oltre al vaccino, dubito che lo avrei scritto. Il valore della comprensione dei potenziali effetti collaterali e la garanzia che gli studi clinici siano abbastanza robusti per farlo sarebbe evidentemente sospetto. Ma poiché si tratta di un vaccino, questo è molto più complicato, perché c’è una (legittima) paura che questa storia possa essere usata per sostenere il caso che i vaccini sono cattivi e inaffidabili. E sostenere questo potrebbe avere conseguenze reali e serie per la salute pubblica se porterà più persone a non vaccinarsi.

A mio parere è terribile non pubblicare un pezzo di giornalismo eccellente su qualcosa che è veritiero e che è nell’interesse pubblico conoscere. Direi addirittura che, rifiutare di nascondere un possibile problema del vaccino perché potrebbe far sì che le persone che sono già diffidenti diventino ancor più diffidenti è di per sé un’azione controproducente: ci radica ulteriormente su lati opposti che diventano guidati più dall’ideologia che dalla verità. E la verità è che la scienza può essere imperfetta e le prove possono essere incomplete. In tal caso, dovremmo essere sinceri e trasparenti al riguardo, anzi, credo che farlo serva a rafforzare la nostra credibilità anziché diminuirla.

A volte le rivisitazioni della scienza avvengono in laboratorio, altre volte sulle pagine di un newsmagazine. Quando succede quest’ultimo, è anche responsabilità dei media essere chiari su come le persone che leggono devono interpretare. Una delle cose migliori e peggiori del giornalismo sulla salute è quanto strettamente si interseca con i suoi lettori – ognuno ha un corpo, e così tutti hanno un maggiore incentivo ad analizzare queste informazioni, e valutare se dovrebbe influenzare le proprie scelte su come prendersi cura di loro stessi. La posta in gioco è alta, è complicato o difficile trasmettere correttamente la differenza tra salute pubblica e salute personale.

Questa storia ha importanti implicazioni per la salute pubblica, molto più che per la salute personale. Indagare questioni di salute pubblica può intersecarsi con la salute personale – ci affidiamo a individui per aiutarci a valutare quelle domande più importanti. Ma quando si tratta della salute personale, questa storia non offre molti consigli, e questo è fatto di proposito. La parola chiave non è che non ci si dovrebbe vaccinare, ma è che la scienza è un processo iterativo, più in anticipo siamo, meglio è.
 

fonte: https://slate.com/health-and-science/2017/12/why-slate-is-questioning-gardasil.html

Leggi anche:

Alla gente dovrebbe essere detto che i vaccini possono avere effetti negativi a lungo termine

Riteniamo che la gente debba essere pienamente informato del fatto che i vaccini possono avere effetti negativi a lungo termine.

Indagare i virus nelle cellule utilizzate per produrre vaccini; e valutare la potenziale minaccia della trasmissione agli uomini

L'FDA ha finalmente disposto analisi approfondite sui virus tumorigenici presenti nelle linee cellulari utilizzate per produrre vaccini ad uso umano.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi