Alluminio in corpo

Siamo continuamente a contatto con l’alluminio. Espelliamo naturalmente il 95% dell’alluminio che assorbiamo, il rimanente si accumula nei tessuti (ossa, fegato, rene, sistema nervoso, tessuto adiposo) e nel tempo causa processi infiammatori e blocca l’attività di numerosi complessi enzimatici, causando danni gravi alla persona, con sintomi molto vari difficilmente riconducibili ad intossicazione da alluminio.

C’è da dire inoltre che quando l’alluminio viene assorbito sotto forma di nanoparticella, come ad esempio quello dovuto all’inquinamento atmosferico, il corpo ha una capacità praticamente nulla di espellerlo.

Leggi anche:

Le leggi non sono l’unico modo per aumentare l’immunizzazione

Il governo francese deve mitigare i rischi nella sua imposizione legale di vaccinazioni promuovendo politiche di vaccinazione più coerenti e proattive.

Analizzare i virus nelle cellule utilizzate per produrre vaccini; e valutare la potenziale minaccia di trasmissione agli uomini

L'emergere di infezioni virali patogene come l'influenza e l'HIV hanno creato un bisogno urgente di nuovi vaccini.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi