Studio censurato perchè dimostrava la verità sui bambini vaccinati e non

19/12/2016 – by Vicki Batts

La censura della scienza non è una novità. In Canada, per esempio, ci sono stati gravi preoccupazioni per normative sempre più severe del governo federale che impedivano agli scienziati di condividere le loro scoperte con il pubblico. La censura, nel complesso, è un problema persistente sotto-riconosciuto nella nostra società. L’elezione di Donald Trump dimostra come la narrazione dei media mainstream vogliano sottoporci solo le loro tesi.

L’ultima istanza di censura scientifica è stata praticata su un articolo di una rivista scientifica, ma solo dopo che i “fan dei vaccini” hanno reclamato la sua rimozione. Lo studio, ha esaminato le differenze nei risultati di salute tra i bambini vaccinati e non vaccinati. I risultati dello studio hanno indicato che “i bambini vaccinati erano significativamente meno rispetto ai vaccinati per diagnosi di varicella e pertosse, ma significativamente di più nella diagnosi di polmonite, otite media, le allergie e NDDs (definite come Disturbo dello Spettro Autistico, deficit di attenzione/iperattività e/o difficoltà di apprendimento). ”

Dalle relazioni delle madri, i ricercatori hanno scoperto che i bambini vaccinati erano più esposti a sviluppare allergie e disturbi dello sviluppo neurologico (NDDS). Il team ha osservato anche dopo l’analisi di altri fattori, che la vaccinazione è significativamente associata alla presenza di un NDD. Infatti, nei vaccinati era più probabile di 3 volte la diagnosi di un NDD come l’autismo. La combinazione di parto prematuro e vaccinazioni ha prodotto un rischio di 6 volte più elevato di NDD.

Nel riassunto dello studio (Abstract) si legge: “In questo studio sulla base delle dichiarazioni delle madri, i vaccinati hanno un più alto tasso di allergie e NDD rispetto ai non vaccinati. La vaccinazione è significativamente associata con NDD anche dopo il controllo di altri fattori. Tuttavia, la nascita prematura in combinazione con la vaccinazione è associata ad un aumento significativo di probabilità di NDD. Sono necessarie ulteriori ricerche che coinvolgono un numero maggiore di campioni, ricerche indipendenti in grado di verificare e comprendere questi risultati imprevisti per ottimizzare l’impatto dei vaccini sulla salute dei bambini”.

Dmitry Baxter dal suo blog http://investmentwatchblog.com osserva che lo studio è stato “cancellato” dalla rivista Frontiers In Public Health. Normalmente, si può visualizzare sempre la versione memorizzata nella cache degli archivi internet. Baxter  afferma che anche la copia cache è stata rimossa, “ci sono forti pressioni per impedire al pubblico di visualizzare lo studio”.
Fortunatamente, lo screenshot dello studio è stato salvato prima che il tutto venisse rimosso da internet.

Prima di essere rimosso da Internet, lo studio è stato sottoposto a molteplici controlli; a quanto pare in questo caso, l’utilizzo di indagini – normalmente utilizzate per la raccolta dei dati – viene definita “parziale e pregiudizievole”.

Alcuni dei colorati commenti pubblici:

Questo studio è progettato male, anche se i risultati non sono impossibili. Lo studio si avvale di self-report di mamme, inducendo a pregiudizi
Un altro studio spazzatura sui vaccini in Frontiers journal. Gli scienziati dovrebbero impedirne la revisione/pubblicazione

Ovviamente non è la prima volta che uno studio che mostra i potenziali effetti negativi di vaccini è stato cancellato da internet. Nel mese di febbraio, la rivista journal Vaccine ha temporaneamente rimosso, e, infine, ritirato, uno studio che collegava il vaccino HPV a problemi comportamentali nei topi.

La pubblicazione di una ricerca che contiene informazioni in conflitto con la narrazione tradizionale,  dimostrare ancora una volta di essere sottoposta a censura. Questo sottolinea l’importanza della ricerca indipendente e mezzi di comunicazione alternativi.

 

fonte: http://naturalnews.com/2016-12-19-study-pulled-from-publication-after-proving-truth-of-vaccinated-vs-unvaccinated-children.html

Leggi anche:

Alla gente dovrebbe essere detto che i vaccini possono avere effetti negativi a lungo termine

Riteniamo che la gente debba essere pienamente informato del fatto che i vaccini possono avere effetti negativi a lungo termine.

Indagare i virus nelle cellule utilizzate per produrre vaccini; e valutare la potenziale minaccia della trasmissione agli uomini

L'FDA ha finalmente disposto analisi approfondite sui virus tumorigenici presenti nelle linee cellulari utilizzate per produrre vaccini ad uso umano.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi