Strage a Lampedusa

stragealampedusa

Quei corpi senza vita coperti da sacchi verdi, allineati uno di fianco all’altro sul molo del porto di Lampedusa, sovrastati da decine di bare, rappresentano una sconfitta delle politiche sull’immigrazione italiane ed europee a volte troppo deboli nel contrasto al traffico di esseri umani.

Precarie nelle soluzioni, fragili nell’applicazione delle norme dei decreti delle leggi, altre volte dure ed aspre che si accaniscono contro povera gente costretta a fuggire dalle tante guerre e guerriglie del mondo, invece che punire in modo altrettanto duro il mondo criminale degli scafisti.

In italia siamo passati in pochi anni dalle leggi fin troppo permissive dei governi di centro-sinistra, a quelle del centro-destra come la bossi-fini, che contempla il carcere introducendo il reato di immigrazione clandestina.

Questa ennesima e più grave strage di immigrati è anche lo specchio dell’ipocrisia della nostra società, che si serve degli immigrati per i lavori più umili senza garantire loro i più elementari diritti, lasciando quelle tante associazioni umanitarie sole nel lavoro faticoso ed umile della solidarietà.

Leggi anche:

La strategia (il caso Novartis)

L’indagine avviata dal FBI nel 2016, partita grazie alla collaborazione di informatori della sede greca di Novartis...

La lettera delle Donne Curde al mondo…

... siamo determinate a combattere fino a quando otterremo la vittoria.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi