Poggiolini e Poggioloni

POGGIOLINI

Duilio Poggiolini è stato ritrovato in una pensione abusiva, misera e sporca.

Direttore generale del servizio farmaceutico nazionale del Ministero della Sanità (anni Novanta), autorizzava aumenti di prezzo dei farmaci, ne favoriva l’ingresso nel prontuario sanitario, in alcuni casi ometteva i dovuti controlli tanto che furono persino commercializzate sacche di sangue infetto da virus letali che provocarono un’epidemia con migliaia di decessi e centinaia di migliaia di persone che, colpite, divennero preziosissimi clienti delle case farmaceutiche.

Gli furono sequestrati beni per 39 miliardi di lire (29 per lui, 10 per la moglie). Oltre al denaro possedeva lingotti d’oro, gioielli, dipinti, monete antiche e moderne, rubli d’oro dello zar Nicola II e krugerrand sudafricani.

Non ci sono più Poggiolini oggi, vi sono Poggioloni che fanno il bello e il cattivo tempo con l’asservimento di buona parte della stampa e della politica.

Hanno persino fissato a 1.200 euro il prezzo per un farmaco identico a un altro che costava 20 euro. Reso questo da 20 euro inaccessibile per la cura della maculopatia, hanno condannato alla cecità migliaia di anziani che non potevano permettersi di pagare 1200 euro al mese.

Da giullari insuperabili riescono a dire, tramite i canali RAI, che i vaccini sono “assolutamente” sicuri (nonostante vi sia una legge che ne riconosce i danni e nonostante le ‘avvertenze’ riportate sui bugiardini delle stesse case farmaceutiche).

Sono riusciti a togliere l’unico trattamento che arrecava benefici agli ammalati senza terapia e destinati a un esito infausto. Questi non avevano più bisogno di assumere costosissimi e dannosi tranquillanti, antidolorifici, antipsicotici magari a base di benzodiazepine.

Contro tutte le evidenze cliniche hanno convinto persino l’opinione pubblica che quel trattamento, a base di cellule staminali, era “pericoloso” e che vi sono, invece, terapie scientificamente consolidate. Nel frattempo il trattamento è stato interrotto, di terapie scientificamente consolidate non vi è neppure l’ombra, una lacerante agonia sta consumando questi ammalati.

Non credo che Poggiolini sarebbe riuscito a fare quello che stanno facendo i nostri Poggioloni.

Poggioloni e Pezzi di Merda!

fonte

Leggi anche:

W la scuola

La mia mamma mi ha nata libera e non è così male essere una pecorella nera...

Una semplice questione di diritti…

Se vivi nel terrore, non hai tempo di pensare ad altro.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi