Il business delle condanne a morte e del traffico d’ organi

lager_cinesi

Un colpo secco. Il corpo si accascia a terra. Mentre i sanitari si avvicinano, le convulsioni lo scuotono ancora. Pochi istanti e il cadavere viene caricato su un’ambulanza la cui targa è stata preventivamente coperta con nastro adesivo e i vetri oscurati con fogli di giornale. Una busta e un po’ di spago e la testa del morto viene impacchettata per evitare che il sangue si sparga sul lettino insozzando il veicolo. Le porte si chiudono e l’operazione ha inizio. La parola d’ordine è “fare presto” perché «un rene può essere impiegato per un trapianto solo se prelevato da un cadavere entro quindici minuti dalla morte del donatore, ripulito e conservato in un’apposita soluzione, altrimenti il sangue occluderà i vasi sanguigni, rendendo l’organo inutilizzabile».

A raccontare le varie fasi dell’espianto degli organi dal corpo di uno dei tanti condannati a morte in Cina è il dottor Zang Zhu. La sua testimonianza è riportata nel libro che accompagna il documentario dal titolo “H.O.T. – Human Organ Traffic”, edito da Feltrinelli e realizzato da Roberto Orazi, Alessandro Gilioli e Riccardo Neri. «All’interno dell’ambulanza – prosegue Zhu – l’atmosfera era pesante […] otto minuti più tardi entrambi i reni erano stati rimossi, lavati con una soluzione utilizzata per la conservazione dei tessuti e posti in un contenitore specificamente concepito per conservare i reni prelevati».

In Cina, quasi il 100% degli organi trapiantati provengono da corpi di condannati a morte. Per rendersi conto del business, basti pensare che ogni anno nel paese di Mao, vengono uccise “per legge” tra le ottomila e le diecimila persone. Dati precisi non ce ne sono. Secondo le stime del Parlamento europeo, però, il 91% delle esecuzioni mondiali avvengono in Cina.

Nel 1989 i reati puniti con la morte erano venti, oggi sono una sessantina. In Cina si viene uccisi per frode fiscale, per appartenenza – anche indiretta – ad organizzazioni illegali, per traffici d’arte o più semplicemente per aver violato la quarantena se ammalati. E sono solo alcuni dei reati per cui è prevista la pena di morte. Nel luglio del 2007, ad esempio, con l’accusa di corruzione, è stato condannato alla pena capitale Zheng Xiaoyu, capo dell’agenzia nazionale che si occupa della regolamentazione dei prodotti farmaceutici ed alimentari.

Pochi istanti dopo le esecuzioni, arrivano i medici e svuotano i corpi: reni, cornee, ossa, fegato: «la gran parte degli organi espiantati – dichiarò nel 2006 un alto funzionario del ministero della Salute cinese durante un convegno di medici chirurghi – proviene da prigionieri uccisi». Gli ospedali specializzati nel ricevere gli organi ed effettuare i trapianti, sono almeno seicento. Mentre il prezzo per l’operazione arriva a qualche decina di migliaia di euro.

E l’Occidente? Nicchia. E sembra ostinarsi ad ignorare questo business a costo zero” (la pallottola usata per l’esecuzione è a carico dei parenti del condannato) strettamente legato alle esecuzioni capitali: più se ne eseguono e più organi vengono immessi sul mercato.

«Dopo l’espianto dei reni – prosegue Zhu nel suo racconto – un chirurgo dovette prelevare anche i bulbi oculari da destinare a una clinica oftalmologica. I chirurghi – aggiunge poco dopo – rimossero anche il cuore e i polmoni perché fossero utilizzati in ospedale come prototipi, ossia come modelli dimostrativi. Infine, vennero prelevate anche le ossa del femore e della tibia, proprio come si fa con una mucca o con un agnello, per utilizzarli in un ospedale ortopedico nella sperimentazione dei trapianti di femore e tibia. La gamba, privata della propria struttura ossea, dondolava a destra e a sinistra, seguendo i movimenti dell’ambulanza […] era praticamente impossibile tracciare una linea di continuità tra il cadavere ormai privato di gran parte degli organi interni e l’uomo che stava camminando soltanto dieci minuti prima».

Leggi anche:

W la scuola

La mia mamma mi ha nata libera e non è così male essere una pecorella nera...

Una semplice questione di diritti…

Se vivi nel terrore, non hai tempo di pensare ad altro.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi