Presadiretta – La Cina dentro

Presadiretta di Riccardo Iacona linkata per chi non riesce a visualizzare dal sito Rai.tv causa “malfunzionamento” dello script silverlight …


07/02/2016

La Cina dentro.

Con LA CINA DENTRO le telecamere di PRESADIRETTA hanno fatto un lungo viaggio tra l’Italia e la Cina, un paese leader dell’economia mondiale che è entrato ormai profondamente anche nel tessuto produttivo italiano. Negli ultimi anni gli investimenti cinesi in Italia sono cresciuti in modo esponenziale, in tutti i settori, dalla moda, all’energia, dai motori al mercato immobiliare. E dallo scorso anno l’Italia è salita al secondo posto nella classifica degli investimenti cinesi in Europa. Parliamo di un giro di affari da 5 miliardi di euro, quasi il 30% di tutti gli investimenti esteri arrivati nel nostro paese. Pirelli, Gruppo Ferretti, Krizia, Benelli moto, Terna, Snam, Enel, sono solo alcuni tra i grandi marchi del made in Italy passati in mani cinesi. E dalle sorti del colosso asiatico dipende anche il nostro futuro. Intanto i mercati finanziari della grande Cina scricchiolano, dobbiamo averne paura?

ISIS in Libia. (min. 1:25:50)

Nella seconda parte di PRESADIRETTA un reportage da una zona caldissima del conflitto che investe l’area mediterranea: ISIS IN LIBIA. A due anni dall’inizio della guerra civile, il paese è diviso a metà. Da una parte il governo legittimamente eletto di Tobruk e dall’altra quello autoproclamato e filo islamico che ha occupato l’ex capitale Tripoli. In mezzo, centinaia di bande in guerra le une contro le altre, l’inviato speciale dell’Onu che tenta una difficilissima mediazione e, soprattutto, l’Isis. Le milizie del califfato hanno trovato la strada spianata proprio nel vuoto di potere, hanno eletto come loro capitale libica la città di Sirte e diventano sempre più forti.

Le telecamere di PRESADIRETTA hanno girato un reportage proprio in questi ultimi giorni, tra Zliten, Misurata e Tripoli. Il racconto dei libici fuggiti dalla città di Sirte, dei parenti delle vittime del Califfato, l’attentato dell’Isis dei primi di gennaio a Zliten, le forze speciali libiche come primo avamposto contro le forze del califfato, le testimonianze inedite dei combattenti dell’Isis prigionieri a Tripoli.

Come reagiranno i libici se dovesse scattare l’azione militare degli Alleati, alla quale potrebbe partecipare anche il nostro paese?

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi