Il vaccino contro il morbillo può causare lesioni & morte?

Gli effetti indesiderati comuni del vaccino MPR comprendono febbre di basso grado, eruzione cutanea, prurito, orticaria, gonfiore, arrossamento della pelle e debolezza. Eventi avversi gravi dopo la vaccinazione MPR includono convulsioni, forti mal di testa, visione doppia, vomito, dolore alle articolazioni o dolore nel sistema digestivo. 1 , 2

Altre complicazioni più rare ma gravi riportate da Merck nella vaccinazione MPR dopo la commercializzazione includono: 3

  • infiammazione cerebrale (encefalite) ed encefalopatia (disfunzione cerebrale cronica);
  • pannicolite (infiammazione dello strato di grasso sotto la pelle);
  • morbillo atipico; sincope (improvvisa perdita di coscienza, svenimento);
  • vasculite (infiammazione dei vasi sanguigni);
  • pancreatite (infiammazione del pancreas);
  • diabete mellito;
  • trombocitopenia porpora (alterazione del sangue);
  • leucocitosi (alto numero di globuli bianchi);
  • anafilassi (shock);
  • spasmi bronchiali;
  • artrite e artralgia (dolore articolare);
  • mialgia (dolore muscolare);
  • polineurite (infiammazione di diversi nervi contemporaneamente).

 

Al 31 marzo 2018, ci sono state più di 89.355 segnalazioni di reazioni al vaccino contro il morbillo, ospedalizzazioni, feriti e decessi in seguito a vaccinazioni contro il morbillo fatte al Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS), tra cui 445 decessi correlati, 6.196 ospedalizzazioni e 1.657 disabilità correlate. Oltre il 60% di questi eventi avversi si è verificato nei bambini di età pari o inferiore a tre anni. Gli eventi avversi seguenti la vaccinazione MPR segnalata a VAERS includono:

  • lupus (disturbo del tessuto connettivo autoimmune);
  • Sindrome di Guillain-Barre (infiammazione dei nervi);
  • Encefalite;
  • meningite asettica (infiammazione del rivestimento del cervello);
  • sordità;
  • cardiomiopatia (indebolimento del muscolo cardiaco);
  • episodi ipotonico-iporesponsivi (collasso / shock);
  • convulsioni;
  • panencefalite sclerosante subacuta (SSPE);
  • atassia (perdita di capacità di coordinare i movimenti muscolari);
  • parathesia (intorpidimento, bruciore, prurito, prurito, sensazione di piaghe che indicano irritazione del nervo)
  • Mielite trasversa
  • Encefalomielite acuta disseminata (ADEM)

In entrambi gli inserti di informazioni sui prodotti MPRII e ProQuad 4 , 5 Merck rileva inoltre che durante la sorveglianza post-marketing del vaccino MPR, sono stati riportati rapporti di vaccinazione di:

  • polmonite;
  • eritema multiforme (disturbo cutaneo da una reazione allergica o infezione);
  • rash orticarioide (orticaria, prurito da una reazione allergica);
  • eruzione simile al morbillo;
  • bruciore / puntura nel sito di iniezione;
  • sordità nervosa;
  • otite media (infezione all’orecchio);
  • retinite (infiammazione della retina dell’occhio);
  • neurite ottica (infiammazione del nervo ottico);
  • congiuntivite.

La Merck fornisce inoltre i seguenti avvertimenti nel proprio foglietto illustrativo sull’infezione e lo spargimento del virus del morbillo del ceppo vaccinale: 6

  • “L’ encefalite da morbillo (MIBE), la polmonite e la morte come conseguenza diretta dell’infezione del virus vaccinale diffuso del morbillo sono state riportate in individui immunocompromessi inavvertitamente vaccinati con vaccino contenente il morbillo”, anche se Merck afferma anche che “Bambini e giovani adulti che sono conosciuti essere infettati da virus dell’immunodeficienza umana e non essere immunosoppressi può essere vaccinato ” e quello “L’ACIP ha affermato che” i pazienti con leucemia in remissione che non hanno ricevuto la chemioterapia per almeno 3 mesi possono ricevere vaccini con virus vivi. Terapia corticosteroidea sistemica a breve termine (<2 settimane), da bassa a moderata dose, terapia topica con steroidi (ad es. nasale, pelle), trattamento a lungo termine a distanza alternata 6 con dosi da basse a moderate di steroidi sistemici a breve durata d’azione e iniezione intra-articolare, a borsale o tendine di corticosteroidi non immunosoppressivi nelle loro dosi abituali e non controindicati la somministrazione di vaccino contro il morbillo, la parotite o la rosolia. “
  • L’escrezione di piccole quantità del virus della rosolia vivo attenuato dal naso o dalla gola si è verificata nella maggior parte dei soggetti sensibili da 7 a 28 giorni dopo la vaccinazione. Non ci sono prove confermate per indicare che tale virus è trasmesso a persone sensibili che sono in contatto con i soggetti vaccinati. Di conseguenza, la trasmissione tramite stretto contatto personale, pur accettata come una possibilità teorica, non è considerata un rischio significativo. Tuttavia, è stata documentata la trasmissione del virus del vaccino contro la rosolia ai neonati attraverso il latte materno “.
  • “Non ci sono segnalazioni di trasmissione di morbillo vivo attenuato o virus della parotite dai vaccinati ai contatti suscettibili”.
  • “Non è noto se il virus del vaccino contro il morbillo o la parotite sia secreto nel latte umano. Recenti studi hanno dimostrato che le donne che allattano dopo il parto immunizzate con il vaccino vivo attenuato per la rosolia possono secernere il virus nel latte materno e trasmetterlo ai neonati allattati al seno. Nei bambini con evidenza sierologica di infezione da rosolia, nessuno presentava una grave malattia; tuttavia, uno mostrava una lieve malattia clinica tipica della rosolia acquisita. “
  • “Ci sono state segnalazioni di panencefalite sclerosante subacuta (SSPE) in bambini che non hanno avuto una storia di infezione da morbillo selvaggio ma hanno ricevuto il vaccino contro il morbillo. Alcuni di questi casi potrebbero essere il risultato di un morbillo non riconosciuto nel primo anno di vita o forse della vaccinazione contro il morbillo . “

Nel novembre 2014, il Centro nazionale informazioni sui vaccini ha pubblicato un rapporto speciale sui rischi emergenti dei virus vivi e dei virus vaccinati: infezione da virus del ceppo vaccino, spargimento e trasmissione. 7 Questo rapporto ha esaminato la letteratura medica per le prove che dimostrano l’infezione, l’eliminazione e il potenziale di trasmissione del virus del vaccino con virus vivi, compresa l’infezione e l’eliminazione del ceppo vaccinale contro il morbillo.

Sono stati pubblicati resoconti di infezione da morbillo da ceppo vaccinale con sintomi clinici indistinguibili dal morbillo wild-type. 8 , 9 Ci sono anche alcune segnalazioni di spargimento del virus del ceppo vaccinale contro il morbillo e infezione confermata in laboratorio nei bambini dopo la vaccinazione con MPR. Nel 2002, un gruppo di ricercatori in Francia ha pubblicato un “bambino che presenta febbre 8 giorni dopo la vaccinazione con un vaccino contro il morbillo-parotite-rosolia. Il virus del morbillo è stato isolato in un tampone faringeo assunto 4 giorni dopo l’insorgenza della febbre. Questo virus è stato poi geneticamente caratterizzato come un virus di tipo vaccinale. ” 10

Nel 2010, Eurosurveillance ha pubblicato un rapporto sullo spargimento del virus del morbillo da vaccino nelle urine e nelle secrezioni della gola di un bambino croato con malattia da eritema associata al vaccino. 11 Un bambino di 14 mesi in buona salute ha ricevuto un vaccino MPR e otto giorni dopo ha sviluppato rash maculare e febbre. Test di laboratorio su campioni di gola e di urina tra le due e le quattro settimane dopo la vaccinazione sono risultati positivi per il virus del morbillo del ceppo vaccinale. Gli autori del rapporto hanno sottolineato che quando i bambini sperimentano febbre e rash dopo la vaccinazione MPR, solo i test molecolari di laboratorio possono determinare se i sintomi sono dovuti all’infezione del virus del morbillo del ceppo vaccinale. Hanno dichiarato:

“Secondo le linee guida dell’OMS per l’eliminazione del morbillo e della rosolia, la discriminazione di routine tra l’eziologia della malattia da rash febbrile viene effettuata tramite il rilevamento dei virus. Tuttavia, in un paziente recentemente vaccinato con MPR, solo le tecniche molecolari possono differenziare tra morbillo selvaggio o infezione da rosolia o malattia associata al vaccino. Questo caso clinico dimostra che l’escrezione del virus del morbillo di Schwartz si verifica nei vaccinati. ”

Nel 2012 è stato anche pubblicato un rapporto che descrive un bambino di 15 mesi in buona salute in Canada, che ha sviluppato irritabilità, febbre, tosse, congiuntivite ed eruzione cutanea entro sette giorni da un vaccino MPR.12 Esami del sangue, delle urine e della gola hanno confermato un’infezione da virus del morbillo del ceppo vaccinale 12 giorni dopo la vaccinazione. Affrontando il potenziale di trasmissione del virus del ceppo vaccinale contro il morbillo ad altri, gli autori hanno affermato,

“Mentre il virus attenuato può essere rilevato nei campioni clinici dopo l’immunizzazione, resta inteso che la somministrazione del vaccino MPR a individui immunocompetenti non comporta il rischio di trasmissione secondaria a ospiti sensibili.”

Ci sono stati anche 397 decessi riferiti a VAERS in associazione con il vaccino MPR. Tuttavia, il numero di feriti e decessi correlati al vaccino segnalati a VAERS potrebbe non riflettere il numero reale di gravi problemi di salute che si verificano dopo la vaccinazione MPR.

Anche se il National Childhood Vaccine Injury Act del 1986 prescriveva legalmente ai pediatri e ad altri fornitori di vaccini di segnalare seri problemi di salute dopo la vaccinazione alle agenzie sanitarie federali (VAERS), molti medici e altri operatori sanitari che forniscono vaccini a bambini e adulti non riportano i vaccini correlati problema di salute a VAERS. Vi sono prove che solo tra l’1 e il 10% dei gravi problemi di salute che si verificano dopo l’uso di farmaci o vaccini negli Stati Uniti sono segnalati ai funzionari della sanità federali, che sono responsabili della regolamentazione della sicurezza di droghe e vaccini e rilasciano politiche nazionali sui vaccini raccomandazioni.13 , 14 , 15 , 16

A partire dal 1° marzo 2016, ci sono stati 972 reclami presentati finora nel Programma federale di risarcimento dei danni da vaccino (VICP) per 57 decessi e 915 feriti verificatisi dopo la vaccinazione MPR. Ci sono stati 35 reclami presentati al VICP per 1 decesso e 34 feriti occorsi dopo la vaccinazione MPR-V. Di questo numero, la Corte di Cassazione degli Stati Uniti che ha amministrato il VICP ha risarcito 377 bambini e adulti, che hanno presentato richieste di risarcimento al vaccino MPR e 16 bambini e adulti, che hanno presentato istanze MPR-V.17

Un esempio di una richiesta di risarcimento del vaccino MPR assegnato risarcimento nel VICP è il caso di Madyson Williams. Madyson stava crescendo e sviluppandosi normalmente fino al 12 maggio 2006, quando le fu somministrato contemporaneamente vaccini MPR, varicella zoster e Hib durante una visita in ufficio. Sei giorni dopo, sviluppò convulsioni e morì.

Il 10 ottobre 2008, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani ha ammesso che Madyson è morta a causa di una reazione al vaccino MPR e ai suoi genitori sono stati assegnati $ 250.000, l’importo massimo consentito per un decesso riconosciuto dal vaccino nel VICP.18 , 19

NOTA IMPORTANTE: anche se ACIP dice che è sicuro somministrare altri vaccini virali e batterici contemporaneamente al vaccino MPR, l’inserto informativo del prodotto MPRII di Merck afferma che altri vaccini con virus vivi, come la varicella20 , NON devono essere somministrati contemporaneamente a MPR vaccino ma piuttosto dovrebbe essere somministrato un mese prima o un mese dopo la vaccinazione MPR.21

Nel 1998, i funzionari della sanità pubblica e gli avvocati associati al programma federale di compensazione degli infortuni sui vaccini hanno pubblicato una revisione in pediatria delle cartelle cliniche di 48 bambini di età compresa tra 10 e 49 mesi, che hanno ricevuto un vaccino contro il morbillo o un vaccino MPR combinato tra il 1970 e il 1993 e hanno sviluppato un’encefalopatia dopo la vaccinazione. I bambini o sono morti o sono stati lasciati con disfunzione cerebrale permanente, tra cui regressione e ritardo mentale, convulsioni croniche, deficit motori e sensoriali e disturbi del movimento. Gli autori dello studio hanno concluso che:

“L’insorgenza di segni o sintomi neurologici si è verificata con una distribuzione dei casi non casuale e statisticamente significativa nei giorni 8 e 9. Nessun caso è stato identificato dopo la somministrazione di parotite monovalente o rosolia. Questo raggruppamento suggerisce che una relazione causale tra il vaccino contro il morbillo e l’encefalopatia possa esistere come una rara complicazione della vaccinazione contro il morbillo. “22

Quasi due decenni prima, nel 1981, un rapporto dello studio nazionale sull’encefalopatia infantile fu pubblicato in Gran Bretagna che concludeva:

“Il rischio di una grave malattia neurologica entro 14 giorni dal vaccino contro il morbillo in bambini precedentemente normali indipendentemente dall’eventuale esito clinico è 1 su 87.000 vaccinazioni”.23

Tuttavia, uno studio del 2007 condotto in Gran Bretagna ha concluso “Possiamo stimare il rischio attribuibile al vaccino di una grave malattia neurologica dopo la prima dose di vaccino MPR come 1 su 365.000 dosi.24 Alcuni studi hanno dimostrato che esiste un rischio elevato di meningite asettica connesso al vaccino MPR contenente il ceppo urabe della parotite.25 (Il vaccino MPRII di Merck utilizzato negli Stati Uniti contiene il ceppo Jeryl Lynn della parotite). Altri studi hanno dimostrato che i componenti o gli eccipienti del vaccino MPR, in particolare gli antigeni delle uova e la gelatina suina o bovina, possono scatenare reazioni anafilattiche, sia immediate che ritardate.26

Uno studio pubblicato nel 2012 dalla Cochrane Collaborative ha esaminato 57 studi e studi clinici che hanno coinvolto circa 14,7 milioni di bambini che avevano ricevuto il vaccino MPR.27 Mentre gli autori dello studio hanno dichiarato di non essere in grado di rilevare un’associazione “significativa” tra vaccino MPR e autismo, asma, leucemia, raffreddore da fieno, diabete di tipo I, disturbi dell’andatura, morbo di Crohn, malattie demielinizzanti o infezioni batteriche o virali, hanno aggiunto quella:

“La progettazione e la segnalazione dei risultati di sicurezza negli studi sui vaccini MPR, sia pre- e post-marketing, sono in gran parte inadeguati”.

In Guinea-Bissau, il Dr. Peter Aaby ha studiato e somministrato vaccini a migliaia di bambini per più di tre decenni e ha pubblicato ricerche sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini, compresa la ricerca sul vaccino contro il morbillo e il morbillo.28 Ha scoperto che possono esserci differenze marcate nel modo in cui i ragazzi e le ragazze rispondono ai vaccini. Ad esempio, ha scoperto che c’era un aumento del rischio di mortalità per le ragazze se ricevevano insieme i vaccini contro il DTP e il morbillo.29 ha anche scoperto che i tassi di mortalità sono stati aumentati per bambini dai 6 mesi ai 17 mesi di età, se avessero ricevuto il vaccino DTP contemporaneamente o dopo aver ricevuto il vaccino del morbillo.30

Nel 1995 è stato pubblicato uno studio che fornisce le prime prove di infezione persistente da virus del morbillo dell’intestino dopo la vaccinazione.31 Nel 1998, un’associazione tra vaccino contro il morbillo del virus vivo, malattia infiammatoria intestinale (IBD) e autismo regressivo fu ipotizzata dal gastroenterologo Dr. Andrew Wakefield e da altri medici al Royal Free Hospital dopo aver rilevato la presenza del virus del morbillo nell’intestino dei bambini sofferenti con la malattia di Crohn e l’autismo. Il giornale che pubblicarono su The Lancet, che suggeriva che il vaccino MPR poteva essere associato allo sviluppo dell’autismo regressivo in bambini precedentemente sani, fu immediatamente accolto da rabbia e critiche da parte di funzionari della sanità pubblica e associazioni di medici, come l’American Academy of Pediatrics.32

Nel corso della loro indagine, Wakefield ei suoi colleghi hanno appreso che Hans Asperger aveva osservato un’alta percentuale di malattia gastrointestinale (celiaca) nei bambini con diagnosi di autismo. Dopo aver studiato i bambini affetti da malattia infiammatoria intestinale in trattamento presso il Royal Free Hospital, hanno ipotizzato che l’infezione virale persistente, sia da morbillo naturale o vaccino contro il virus vivo, potrebbe causare infiammazione cronica nell’intestino e danni al sistema nervoso centrale in alcuni bambini . Tuttavia, hanno sottolineato nel loro articolo che non avevano dimostrato una relazione di causa-effetto tra autismo, vaccino MPR e colite aspecifica, che hanno descritto come “iperplasia linfoide-nodulare-autistica autistica” e ha chiesto ulteriori studi per esplorare il potenziale relazione

Oggi, la maggior parte dei medici e degli operatori sanitari respinge il suggerimento che il vaccino MPR è associato allo sviluppo dell’autismo nei bambini. Tuttavia, la ricerca finanziata privatamente continua a studiare la potenziale associazione tra vaccini, incluso il vaccino MPR, e lo sviluppo di autismo, malattie infiammatorie intestinali e altri tipi di disfunzione del cervello e del sistema immunitario in bambini precedentemente sani.

Altri studi indipendenti hanno anche segnalato problemi gastrointestinali, come l’enterocolite, dopo la vaccinazione contro il morbillo.33 Sebbene nel 2004 un rapporto del comitato dell’Istituto di Medicina (IOM) affermasse che “il corpo delle prove epidemiologiche favorisce il rifiuto di una relazione causale tra il vaccino MPR e l’autismo”,34 un rapporto del 2011 pubblicato da un comitato IOM per la revisione degli effetti collaterali dei vaccini, lo ha trovato

“Le prove supportano in modo convincente una relazione causale tra il vaccino MPR e l’encefalite da inclusione del morbillo nei soggetti con immunodeficienze dimostrate”35.

Il comitato IOM del 2011 ha anche trovato “un alto grado di fiducia” che “le prove sostengono in modo convincente una relazione causale tra vaccino MPR e convulsioni febbrili”. Il comitato ha anche trovato una relazione causale tra vaccino MPR e anafilassi e artralgia transitoria in donne e bambini .36

 

References

  1. National Institutes of Health. Emerging & Re-emerging Infectious Disease —Student Activities 5—Making Hard Decisions Measles. No date. Online. (Accessed March 2012)
  2. FDA.gov. ProQuad. Product Information Sheet. Oct. 27, 2015. Online. (Accessed March 2016)
  3. FDA.gov. MMRII. Product Information Sheet . Dec. 2007. Online. (Accessed March 2012)
  4. FDA.gov. MMRII. Product Information Sheet . Dec. 2007. Online. (Accessed March 2012)
  5. FDA.gov. ProQuad. Product Information Sheet. Oct. 27, 2015. Online. (Accessed March 2016)
  6. Merck & Co., Inc. MMRII (Measles, Mumps, Rubella Virus Vaccine Live). 2014.
  7. Fisher BL. The Emerging Risks of Live Virus and Virus Vectored Vaccines: Vaccine Strain Virus Infection, Shedding and Transmission. NVIC November 2014.
  8. Jenkins GA, Chibo D, Kelly HA et al. What is the cause of a rash after measles-mumps-rubella vaccination?Med J Aust 1999; 171(4): 194-195.
  9. Berggren KL, Tharp M, Boyer KM. Vaccine-associated “wild-type” measles. Pediatr Dermatol 2005; 22(2): 130-132.
  10. Morfin F, Beguin A, Lina B, Thourenot D.Detection of measles vaccine in the throat of a vaccinated child . Vaccine 2002; 20(11-12); 1541-1543.
  11. Kaic B, Gjenero-Margan I, Aleraj B. Spotlight on Measles 2010: Excretion of Vaccine Strain Measles Virus in Urine and Pharyngeal Secretions of a Child with Vaccine Associated Febrile Rash Illness, Croatia, March 2010 . Eurosurveillance 2010 15(35).
  12. Nestibo L, Lee BE, Fonesca K et al.Differentiating the wild from the attenuated during a measles outbreak. Paediatr Child Health Apr. 2012; 17(4).
  13. Kessler DA, the Working Group, Natanblut S, et al. A New Approach to Reporting Medication and Device Adverse Effects and Product Problems . JAMA. 1993;269(21):2765-2768. Online. (Accessed March 2012)
  14. FDA.gov. Kessler DA. Introducing MEDWatch: A New Approach to Reporting Medication and Device Adverse Effects and Product Problems . Reprint from JAMA. June 9, 1993. Online. (Accessed March 2012)
  15. Braun M. Vaccine adverse event reporting system (VAERS): usefulness and limitations . Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health
  16. Rosenthanl S, Chen R. The reporting sensitivities of two passive surveillance systems for vaccine adverse events . Am J Public Health 1995; 85: pp. 1706-9.
  17. U.S. Department of Health and Human Services. Statistics Reports. Claims Filed and Compensated or Dismissed by Vaccine —March 1, 2016. National Vaccine Injury Compensation Program. March 1, 2016.
  18. Office of Special Masters. United States Court of Federal Claims. Garry and Rachel Williams, as Legal Representatives of Madyson Lee Williams . Oct. 10, 2008. Online. (Accessed March 2012)
  19. KansasCity-Law.com. Verdicts and Settlements . Williams, Minor. v. Secretary of HHS–$250,000 Settlement. Oct. 2008. Online. (Accessed March 2012)
  20. FDA.gov. V accines, Blood & Biologicals. Varicella . No Date. Online. (Accessed March 2012)
  21. FDA.gov. Vaccines, Blood & Biologicals. Measles, Mumps and Rubella . Aug. 8, 2011. Online. (Accessed March 2012)
  22. Weibel RE, Casserta V, Benor DE, Evans G. Acute Encephalopathy Followed by Permanent Brain Injury or Death Associated with Further Attenuated Measles Vaccine: A Review of Claims Submitted to the National Vaccine Injury Compensation Program. Pediatrics 1998; 101(3): 383-387.
  23. Alderslade R, Bellman MH, Rawson NSB, Ross EM, Miller DL. The National Childhood Encephalopathy Study: A Report on 1000 Cases of Serious Neurological Disorders in Infants and Young Children from the NCES Research Team. Her Majesty’s Stationery Office 1981.
  24. Ward KN, Bryan NJ et al. Risk of Serious Neurologic Disease After Immunization of Young Children in Britain and Ireland. Pediatrics 2007; 120(2): 314-321.
  25. Dourado I, Cunha S, Teixeira MG, et al. Outbreak of Aseptic Meningitis Associated with Mass Vaccination with a Urabe-Containing Measles-Mumps-Rubella Vaccine: Implications for Immunization Programs. Am J Epidemiol. March 1, 2000; 151(5):524-30. Online. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10707922. (Accessed March 2012)
  26. Lakshman R. MMR Vaccine and Allergy. Arch Dis Child 2000;82:93-95. Online. (Accessed March 2012)
  27. Demicheli V, Rivetti A, Debalini MG, Di Pietrantonj C. (Intervention Review) Vaccines for Measles, Mumps and Rubella in Children . The Cochrane Library 2012, Issue 2. Online. (Accessed March 2012)
  28. Indepth-Network.org. Professor Peter Aaby . Feb. 29, 2012. Online. (Accessed March 2012)
  29. Aaby P, Jensen H, Samb B, et al. Differences in Female-Male Mortality after High-Titre Measles Vaccine and Association with Subsequent Vaccination with Diphtheria-Tetanus-Pertussis and Inactivated Poliovirus: Reanalysis of West African Studies . Lancet. 2003;361:2183-8. Online. (Accessed March 2012)
  30. Aaby P, Biai S, Veirum JE, et al. DTP with or after Measles Vaccination Is Associated with Increased In-Hospital Mortality in Guinea-Bissau . Vaccine. Jan. 26, 2007. Vol 25, Issue 7, pp 1265-1269. Online. (Accessed March 2012)
  31. Lewin J, Dhillon AP, Sm R, Mazure G, Pounder RE, Wakefield AJ. Gu t. 1995 Apr; 36(4): 564-9. Online.. (Accessed March 2012)
  32. NVIC. Research Into Vaccines, Autism and Intestinal Disorders Published in The Lancet. Press Release: March 3, 1998.
  33. Ashwood P, Anthony A, Pellicer AA, Torrente F. “Intestinal Lymphocyte Populations in Children with Regressive Autism: Evidence for Extensive Mucosal Immunopathology.” Journal of Clinical Immunology, 2003;23:504-517. Online. (Accessed March 2012)
  34. Institute of Medicine Immunization Safety Review Committee. Immunization Safety Review: Vaccines and Autism. National Academies Press 2004.
  35. Stratton K, Ford A, Rusch E, Clayton EW, editors. Adverse Effects of Vaccines: Evidence and Causality. Committee to Review Adverse Effects of Vaccines . National Academies Press: 2012. pp 103, 105, 130, 134, 137. Online. (Accessed March 2012)
  36. Stratton K, Ford A, Rusch E, Clayton EW, editors. Adverse Effects of Vaccines: Evidence and Causality. Committee to Review Adverse Effects of Vaccines . National Academies Press: 2012. pp 103, 105, 130, 134, 137. Online. (Accessed March 2012)

fonte: https://www.nvic.org/vaccines-and-diseases/measles/measles-vaccine-injury-death.aspx

Leggi anche:

Alla gente dovrebbe essere detto che i vaccini possono avere effetti negativi a lungo termine

Riteniamo che la gente debba essere pienamente informato del fatto che i vaccini possono avere effetti negativi a lungo termine.

Indagare i virus nelle cellule utilizzate per produrre vaccini; e valutare la potenziale minaccia della trasmissione agli uomini

L'FDA ha finalmente disposto analisi approfondite sui virus tumorigenici presenti nelle linee cellulari utilizzate per produrre vaccini ad uso umano.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi