Rifiuti radioattivi alle porte di Taranto

nucleare_taranto

L’ex Cemerad di Statte (TA) è una minaccia ambientale, con migliaia di fusti ammassati in torri alte fino a 18/20 metri in un semplice capannone di lamiera: da 20 anni in stato di abbandono, con 1.140 metri cubi di rifiuti radioattivi stoccati all’interno.

Il Corriere della Sera mostra per la prima volta le immagini dell’interno del deposito, girate dagli investigatori del Corpo Forestale nel 1995, durante una perquisizione richiesta del procuratore di Matera, Nicola Maria Pace.

Come mai questo video viene diffuso solo ora ?? 

Dopo una lunga vicenda giudiziaria il deposito della Cemerad è stato sequestrato e la ditta è fallita.

Si parla troppo poco dei depositi, abusivi e non, di rifiuti nucleari e radioattivi presenti in Italia. Le autorità si guardano bene dal diffondere le notizie in loro possesso (come nel caso della Cemerad), ma la gente ha il diritto di sapere. Vi invito a leggere, ed a far girare, la RELAZIONE SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI IN ITALIA E SULLE ATTIVITÀ CONNESSE  presentata alla Camera dei Deputati dalla On. Susanna Cenni nel dicembre 2012.

Leggi anche:

L’epidemia vera non è quella per cui vendono i vaccini!

La differenza sta nella nostra libertà: ancora possiamo reagire, parlare, lottare, contrastare questi poteri. E abbiamo il dovere di farlo.

Una mamma vegana alla sua bambina

Il tuo impatto ambientale sarà molto più leggero su questa fragile terra.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi