Modalità di trasmissione del virus che causa COVID-19: implicazioni per le raccomandazioni di precauzione

29 marzo 2020

Sintesi scientifica

Modalità di trasmissione del virus COVID-19

Le infezioni respiratorie possono essere trasmesse attraverso goccioline di dimensioni diverse: quando le particelle di gocciolina hanno un diametro> 5-10 μm vengono chiamate goccioline respiratorie e quando hanno un diametro di <5μm, vengono chiamate nuclei di goccioline.1 Secondo le prove attuali, il virus COVID-19 viene trasmesso principalmente tra le persone attraverso goccioline respiratorie e vie di contatto.2-7 In un’analisi di 75.465 casi COVID-19 in Cina, la trasmissione aerea non è stata segnalata.8

La trasmissione di goccioline si verifica quando una persona è in stretto contatto (entro 1 m) con qualcuno che ha sintomi respiratori (ad esempio, tosse o starnuti) ed è quindi a rischio di avere le sue mucose (bocca e naso) o congiuntiva (occhi) esposto a goccioline respiratorie potenzialmente infettive. La trasmissione può anche avvenire attraverso fomiti nell’ambiente circostante intorno alla persona infetta.8 Pertanto, la trasmissione del virus COVID-19 può avvenire per contatto diretto con persone infette e contatto indiretto con superfici nell’ambiente immediato o con oggetti usati sulla persona infetta (ad es. Stetoscopio o termometro). 

La trasmissione aerea è diversa dalla trasmissione di goccioline poiché si riferisce alla presenza di microbi all’interno dei nuclei di goccioline, che sono generalmente considerati particelle con diametro <5μm, possono rimanere nell’aria per lunghi periodi di tempo ed essere trasmessi ad altri per distanze maggiori di 1 metro. 

Nel contesto di COVID-19, la trasmissione aerea può essere possibile in circostanze e contesti specifici in cui vengono eseguite procedure o trattamenti di supporto che generano aerosol; cioè intubazione endotracheale, broncoscopia, aspirazione aperta, somministrazione di trattamento nebulizzato, ventilazione manuale prima dell’intubazione, rotazione del paziente in posizione prona, disconnessione del paziente dal ventilatore, ventilazione a pressione positiva non invasiva, tracheostomia e rianimazione cardiopolmonare. 

Vi sono prove che l’infezione da COVID-19 può portare a infezione intestinale ed essere presente nelle feci. Tuttavia, ad oggi solo uno studio ha coltivato il virus COVID-19 da un singolo campione di feci.9 Finora non sono stati segnalati casi di trasmissione fecale-orale del virus COVID-19.

Implicazioni dei recenti risultati del rilevamento del virus COVID-19 dal campionamento dell’aria 

Ad oggi, alcune pubblicazioni scientifiche forniscono prove iniziali sul fatto che il virus COVID-19 possa essere rilevato nell’aria e, quindi, alcune agenzie di stampa hanno suggerito che vi è stata una trasmissione aerea. Questi risultati iniziali devono essere interpretati attentamente.

Una recente pubblicazione sul New England Journal of Medicine ha valutato la persistenza del virus del virus COVID-19.10 In questo studio sperimentale, gli aerosol sono stati generati utilizzando un nebulizzatore a tre getti di Collison e immessi in un tamburo Goldberg in condizioni controllate di laboratorio. Questa è una macchina ad alta potenza che non riflette le normali condizioni di tosse umana. Inoltre, la scoperta del virus COVID-19 in particelle di aerosol fino a 3 ore non riflette un’impostazione clinica in cui vengono eseguite le procedure di generazione di aerosol, ovvero questa era una procedura di generazione di aerosol indotta sperimentalmente. 

Ci sono segnalazioni da impostazioni in cui sono stati ammessi pazienti sintomatici COVID-19 e in cui non è stato rilevato RNA COVID-19 nei campioni di aria.11-12 L’OMS è a conoscenza di altri studi che hanno valutato la presenza di COVID-19 RNA nei campioni di aria, ma che non sono ancora stati pubblicati su riviste peer-reviewed. È importante notare che il rilevamento di RNA in campioni ambientali basati su saggi basati sulla PCR non è indicativo di virus vitali che potrebbero essere trasmissibili. Sono necessari ulteriori studi per determinare se è possibile rilevare il virus COVID-19 in campioni di aria provenienti da stanze dei pazienti in cui non sono in corso procedure o trattamenti di supporto che generano aerosol. Man mano che emergono prove, è importante sapere se viene trovato il virus vitale e quale ruolo può svolgere nella trasmissione. 

Conclusioni

Sulla base delle prove disponibili, comprese le recenti pubblicazioni di cui sopra, l’OMS continua a raccomandare goccioline e precauzioni di contatto per coloro che si prendono cura dei pazienti con COVID-19. L’OMS continua a raccomandare precauzioni disperse nell’aria per circostanze e contesti in cui vengono eseguite le procedure di generazione di aerosol e il trattamento di supporto, in base alla valutazione del rischio.13 Queste raccomandazioni sono coerenti con altre linee guida nazionali e internazionali, comprese quelle sviluppate dalla Società Europea di Medicina di Terapia Intensiva e dalla Società di Medicina di Terapia Critica14 e quelle attualmente in uso in Australia, Canada e Regno Unito.15-17

Allo stesso tempo, altri paesi e organizzazioni, compresi i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, raccomandano precauzioni disperse nell’aria per qualsiasi situazione che riguardi l’assistenza dei pazienti COVID-19 e considerano l’uso di cure mediche maschere come opzione accettabile in caso di carenza di respiratori (N95, FFP2 o FFP3).18-19 

Le attuali raccomandazioni dell’OMS sottolineano l’importanza di un uso razionale e appropriato di tutti i DPI,20 non solo delle maschere, che richiedono un comportamento corretto e rigoroso da parte degli operatori sanitari, in particolare nelle procedure di levata e nelle pratiche di igiene delle mani.21 L’OMS raccomanda inoltre la formazione del personale su tali raccomandazioni,22 nonché l’approvvigionamento e la disponibilità adeguati dei DPI necessari e di altre forniture e strutture. Infine, l’OMS continua a sottolineare la massima importanza dell’igiene frequente delle mani, dell’etichetta respiratoria e della pulizia e disinfezione ambientale, nonché l’importanza di mantenere le distanze fisiche ed evitare il contatto stretto e non protetto con le persone con febbre o sintomi respiratori. 

L’OMS monitora attentamente le prove emergenti su questo argomento critico e aggiornerà questo brief scientifico man mano che saranno disponibili ulteriori informazioni. 

Riferimenti

  1. Organizzazione mondiale della sanità. Prevenzione delle infezioni e controllo delle infezioni respiratorie acute a rischio di epidemia e pandemia Ginevra: Organizzazione mondiale della sanità; 2014 Disponibile da: https://apps.who.int/iris/bitstream/handle/10665/112656/9789241507134_ita.pdf?sequence=1

  2. Liu J, Liao X, Qian S et al. Trasmissione comunitaria della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2, Shenzhen, Cina, 2020. Emerg Infect Dis 2020 doi.org/10.3201/eid2606.200239

  3. Chan J, Yuan S, Kok K et al. Un cluster familiare di polmonite associato al nuovo coronavirus del 2019 che indica la trasmissione da persona a persona: uno studio di un cluster familiare. Lancet 2020 doi: 10.1016 / S0140-6736 (20) 30154-9

  4. Li Q, Guan X, Wu P, et al. Le prime dinamiche di trasmissione a Wuhan, in Cina, della nuova polmonite infetta da coronavirus. N Engl J Med 2020; DOI: 10,1056 / NEJMoa2001316.

  5. Huang C, Wang Y, Li X, et al. Caratteristiche cliniche dei pazienti infetti dal nuovo coronavirus del 2019 a Wuhan, in Cina. Lancet 2020; 395: 497–506. 

  6. Burke RM, Midgley CM, Dratch A, Fenstersheib M, Haupt T, Holshue M, et al. Monitoraggio attivo delle persone esposte a pazienti con COVID-19 confermato – Stati Uniti, gennaio-febbraio 2020. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2020 doi: 10.15585 / mmwr.mm6909e1 icona esterna

  7. Organizzazione mondiale della sanità. Rapporto della Missione congiunta OMS-Cina sulla malattia di Coronavirus 2019 (COVID-19) 16-24 febbraio 2020 [Internet]. Ginevra: Organizzazione mondiale della sanità; 2020 Disponibile da: https://www.who.int/docs/default- source / coronaviruse / who-china-joint-on-covid-19-final-report.pdf

  8. Ong SW, Tan YK, Chia PY, Lee TH, Ng OT, Wong MS, et al. Contaminazione di aria, ambiente di superficie e dispositivi di protezione individuale da grave sindrome respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV-2) da un paziente sintomatico. JAMA. 2020 4 marzo [Epub in anticipo sulla stampa].

  9. Zhang Y, Chen C, Zhu S et al. [Isolamento di 2019-nCoV da un campione di feci di un caso confermato da laboratorio della malattia di coronavirus 2019 (COVID-19)]. China CDC Weekly. 2020; 2 (8): 123-4. (In cinese)

  10. van Doremalen N, Morris D, Bushmaker T et al. Aerosol e stabilità superficiale di SARS-CoV-2 rispetto a SARS-CoV-1. Nuovo inglese En Med J 2020: 10.1056 / NEJMc2004973

  11. Cheng V, Wong SC, Chen J, Yip C, Chuang V, Tsang O, et al. Escalation della risposta di controllo delle infezioni all’epidemiologia in rapida evoluzione della malattia di Coronavirus 2019 (COVID-19) a causa della SARS-CoV-2 a Hong Kong. Infect Control Hosp Epidemiol. 2020, 5 marzo [Epub prima della stampa]. 

  12. Ong SW, Tan YK, Chia PY, Lee TH, Ng OT, Wong MS, et al. Contaminazione di aria, ambiente di superficie e dispositivi di protezione individuale da grave sindrome respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV-2) da un paziente sintomatico. JAMA. 2020

  13. Guida dell’OMS sulla prevenzione e il controllo delle infezioni per COVID-19 disponibile su https://www.who.int/emergencies/diseases/novel-coronavirus-2019/technical-guidance/infection-prevention-and-control

  14. Campagna di sepsi sopravvissuta: linee guida per la gestione degli adulti critici con malattia coronavirus 2019 (COVID-19). Medicina intensiva DOI: 10.1007 / s00134-020-06022-5 https://www.sccm.org/SurvivingSepsisCampaign/Guidelines/COVID-19 

  15. Linee guida intermedie per la gestione clinica di COVID-19 negli adulti Australasian Society for Infectious Diseases Limited (ASID)  https://www.asid.net.au/documents/item/1873

  16. Malattia di coronavirus (COVID-19): per gli operatori sanitari. https://www.canada.ca/en/public-health/services/diseases/2019-novel-coronavirus-infection/health-professionals.html

  17. Guida alla prevenzione e al controllo delle infezioni per COVID-19 https://www.gov.uk/government/publications/wuhan-novel-coronavirus-infection-prevention-and-control

  18. Raccomandazioni provvisorie di prevenzione e controllo delle infezioni per pazienti con malattia coronavirus sospetta o confermata 2019 (COVID-19) in Impostazioni sanitarie. https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/infection-control/control-recommendations.html 

  19. Prevenzione e controllo delle infezioni per COVID-19 in contesti sanitari https://www.ecdc.europa.eu/en/publications-data/infection-prevention-and-control-covid-19-healthcare-settings 

  20. Uso razionale dei DPI per COVID-19. https://apps.who.int/iris/bitstream/handle/10665/331498/WHO-2019-nCoV-IPCPPE_use-2020.2-eng.pdf

  21. Fattori di rischio per gli operatori sanitari con malattia da virus Corona 2019: uno studio di coorte retrospettivo in un ospedale designato di Wuhan in Cina. https://academic.oup.com/cid/advance-article/doi/10.1093/cid/ciaa287/5808788

  22. Corso di prevenzione e controllo delle infezioni (IPC) per il romanzo Coronavirus (COVID-19). https://openwho.org/courses/COVID-19-IPC-EN

 

Leggi anche:

AstraZeneca interrompe la sperimentazione del vaccino COVID-19 a causa di una malattia inspiegabile del partecipante

Un partecipante britannico è risultato affetto da Mielite Trasversa, una sindrome infiammatoria che colpisce il midollo spinale ed è spesso scatenata da infezioni virali, secondo un rapporto del New York Times

Conseguenze negative della somministrazione di un vaccino contro la SARS-CoV-2

L'eredità di questo evento è un panorama normativo in cui i vaccini vengono sottoposti a migliaia di test per garantire la loro sicurezza ed efficacia

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi