Mediterraneo – Un mare di plastica

Ottantasette ore di osservazione dei rifiuti galleggianti nei mari italiani e 1.700 km di mare monitorati da Goletta Verde e Accademia del Leviatano.

 tartarughe_plastica

 

Per sapere lo stato del Mar Mediterraneo basta leggere il rapporto Marine Litter sull’inquinamento dei mari italiani; stilato grazie all’importante aiuto della Goletta Verde di Legambiente che ha scandagliato circa 1.700 km di mare.

La situazione che viene fotografata da Legambiente, non è molto confortante, visto che per ogni chilometro quadrato di mare galleggiano fino a 27 rifiuti.

La maggior parte dei rifiuti è rappresentata dalla plastica, il 34% sono bottiglie di plastica e flaconi di detergenti, le buste di plastica sono il 29%, ma anche residui dell’attività di pesca e cassette. Presenti, tuttavia, anche pezzi di legno, resti di carta, e tanti altri materiali. Il team di osservatori a bordo di Goletta Verde ha incontrato in mare 1 rifiuto di plastica ogni 10 minuti.

Il mare italiano più inquinato? L’Adriatico (27 rifiuti per km quadrato); seguono il Tirreno (26 rifiuti per km quadrato) e lo Ionio Ionio (7 rifiuti per km quadrato).
Le tratte più “dense” di rifiuti sono la costa di Castellammare di Stabia, dove si possono contare più di 150 rifiuti ogni kmq; più di 100 per chilometro quadrato i rifiuti davanti alla costa abruzzese di Giulianova e più di 30 tra Manfredonia e Termoli.
L’Italia non raggiunge i livelli dell’enorme isola di plastica del Pacifico, Pastic Vortex, ma la situazione è comunque preoccupante.

Il Consiglio generale della pesca nel Mediterraneo (FAO) afferma che oltre 6 milioni di tonnellate di materiali solidi e pericolosi di origine umana vengono scaricati ogni anno nei mari del mondo. Indiscutibili sono anche le ripercussioni che la discarica marina genera sull’ambiente, sull’economia e sulla fauna marina. Per citare solo un esempio, l’ingestione di rifiuti è tra le cause principali della morte delle tartarughe marine. Senza contare l’impatto delle microplastiche  che, ingerite direttamente o involontariamente dalla fauna marina, entrano nella nostra catena alimentare.

fonte

Leggi anche:

L’epidemia vera non è quella per cui vendono i vaccini!

La differenza sta nella nostra libertà: ancora possiamo reagire, parlare, lottare, contrastare questi poteri. E abbiamo il dovere di farlo.

Una mamma vegana alla sua bambina

Il tuo impatto ambientale sarà molto più leggero su questa fragile terra.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi