Le finestre più belle d’Italia

   
ABBIATE, VARESE – Nel 1928, le cittadine di Abbiate e di Tradate sono state unite, diventando un unico comune. La rivalità che c’era prima della famosa “unificazione” continua a farsi sentire e le bellezze dell’una e dell’altra città continuano ad essere in competizione. La foto che vedete ritrae una delle facciate della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo ad Abbiate, in via Vittorio Veneto: due bifore su uno sfondo rosa.

 

ROMA – L’immagine che si staglia su uno sfondo arancio intenso (tipico di molti edifici della città capitolina) fa parte del gruppo scultoreo della Fontana del Nettuno, o fontana dei Calderai, una delle bellissime fontane di Piazza Navona. Insieme alla Fontana dei Fiumi, realizzata da Bernini, su progetto di Borromini, questa è una delle perle della piazza, amatissima dai turisti di tutto il mondo.

 

PALERMO – Un busto bellissimo in primo piano, e sullo sfondo Il Palazzo Pretorio, conosciuto anche con il nome di Palazzo delle Aquile e costruito intorno al 1470. La facciata, con l’entrata principale, affaccia su Piazza Pretoria, sulla quale svetta l’Aquila in marmo, del 1879, simbolo della città.

 

ALBA – Oggi è soprattutto conosciuta per i suoi tartufi, costosissimi e amati dai buongustai di tutto il mondo, in realtà, però, Alba ha una storia lunghissima, che risale a ben prima dell’anno zero. Tracce romane, medievali e rinascimentali sono ancora oggi visibili in città. A noi ha colpito il rosso acceso delle pareti di questa abitazione e la giornata di sole bellissima che si riesce a percepire.

 

TROPEA – Tropea è uno dei più piccoli, ma anche dei più suggestivi, comuni d’Italia. La città è stata costruita su uno sperone di roccia a picco sul mare, da cui si gode una vista magnifica. Ma gli amanti della tintarella potranno rilassarsi sulle spiagge della “marina”, con uno sguardo fisso al bellissimo Mar Tirreno. Una finestra su un paradiso.

 

MATERA – Non poteva non esserci Matera, una delle città più speciali d’Italia e perla indiscussa della Basilicata. Da tutti conosciuta come la “Città dei sassi”, il suo bellissimo scenario di pietra è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

 

MILANO – Tre bellissime finestre decorate, affacciate sul cortile principale dell’Università Statale di Milano, ospitata in un edificio rinascimentale voluto dal Duca di Milano, Francesco Sforza. Dobbiamo aggiungere altro?

 

LEVANZO – Un piccolo villaggio di case bianche e color vaniglia affacciate sul mare della Sicilia. La più piccola isola delle Egadi non ha nulla da invidiare alle sorelle più grandi ed è meta giornaliera di turisti che, da Favignana, fanno la spola per visitarla. Tra grotte da esplorare, tuffi nel blu e granite di gelsi.

 

TRIESTE – Pietra e mosaici, realizzati con vetri di Murano, decorano la facciata del bellissimo Palazzo del Governo di Trieste. La sua costruzione risale ai primi anni del 1900 ed è opera dell’architetto austriaco Emil Artman. La vista da quelle finestre è meravigliosa: uno sguardo alla Piazza, per poi lasciarsi incantare dall’orizzonte, fino al mare.

 

LODI – Una serie di monofore in cotto si affaccia su Piazza della Vittoria a Lodi. L’edificio è il famoso Palazzo Vistarini, appartenuto all’omonima famiglia. Oggi l’edificio è residenza privata.

 

CATANIA – La seconda città della Sicilia vanta una serie di Chiese, edifici e Palazzi storici costruiti o decorati secondo i dettami di quello che qui sarà definito “Barocco Siciliano”. Vi basterà passeggiare in città, tra Residenze ufficiali e magnifiche Cattedrali, per averne un’idea.

 

CORIGLIANO D’OTRANTO – Figure antropomorfe in pietra si stagliano sulla facciata del Castello De’Monti di Corigliano d’Otranto, in Puglia. Potrete visitare le sale all’interno e raggiungere la Torre di San Giovanni Battista.

 

LECCE – La perla del Salento è un’attrazione non solo per gli italiani, ma per i turisti di tutto il mondo, che si spingono tanto a sud per godere delle bellezze del “barocco leccese”. La città è anche buon cibo, mare spettacolare a pochi passi e panni stesi al sole di una giornata da non dimenticare.

 

JESI – Palazzo Ricci è un Palazzo speciale. La decorazione a bugnato della facciata in pietra, ripresa da quella del Palazzo dei Diamanti di Ferrara, rende l’edificio unico e riconoscibilissimo.

 

MASSA MARITTIMA – Tre bifore su una facciata in pietra con gli stemmi del podestà… è quella del Palazzo Pretorio a Massa Marittima, in provincia di Grosseto. L’edificio risale al XIII secolo e oggi ospita il Museo archeologico della città.

 

CAMOGLI – Chi non ha mai sognato di trascorrere una giornata nella “città dei bianchi velieri”? Camogli è un piccolo comune affacciato sul mare.

 

PADOVA – Finestre affacciate sul Prato della Valle, la più grande piazza della città e una delle più vaste d’Europa! Qui si ritrovano i padovani nelle sere d’estate, per una passeggiata.

 

LA MORRA – Un piccolo comune di circa 3 mila abitanti in provincia di Cuneo, affacciato sulle colline da cui nasce il buon Barolo. Tanto verde e paesaggi bellissimi.

 

FERRARA – Non poteva mancare lui, il Palazzo dei Diamanti di Ferrara, in questa collezione degli affacci più belli sulle città d’Italia. L’edificio rinascimentale ha la tipica decorazione a bugnato, con le 8.500 pietre della facciata tagliate a forma di diamante. Ospita le collezioni d’arte della Galleria d’Arte Moderna e della Pinacoteca Nazionale.

 

VENEZIA – I Palazzi di Venezia sono il massimo dello splendore e dell’eleganza.

 

ASCOLI PICENO – Due affacci fioriti su una delle Piazze rinascimentali più belle d’Italia. Siamo ad Ascoli Piceno e le finestre di questo palazzo in mattoni sono spalancate su Piazza del Popolo. Pavimentata con travertino, circondata da colonnati e porticati bellissimi, la Piazza è uno dei gioielli dello stivale.

 

BOLOGNA – Avete presente il portico più famoso della città? Quello che parte da Piazza Maggiore e arriva al Palazzo dell’Archiginnasio? Parte da qui, dal Palazzo dei Banchi. Da qui si sarebbe affacciato anche Guido Reni … finestra d’autore!

 

NAPOLI – Mettete una mattina d’autunno, il sole, l’aria fresca e il profumo del caffè in strada … Siete a Napoli, affacciati alla finestra di uno dei palazzi più belli della città. A pochi passi il mare e la pizza più buona del mondo.

 

FIRENZE – La Cattedrale di Santa Maria del Fiore è una delle Cattedrali più belle del Mondo e anche uno dei monumenti simbolo dello Stivale. Affaccia sulla piazza omonima, da cui è ammirabile il bellissimo Battistero, ed è sormontata dalla mitica cupola del Brunelleschi.

 

CHERASCO, CUNEO – Può un piccolo, ma non così piccolo, comune della provincia di Cuneo destare tanta curiosità? Date un’occhiata a questo portico bellissimo.

 

GENOVA – Una capatina al Carmine, il quartiere medievale di Genova per scattare una foto a queste finestre che sanno di vita vissuta. Uno sguardo alla piazza omonima, prima di immergersi nuovamente nella vivacissima città. Una cartolina bellissima dell’Italia più autentica!

 

SIENA – Che sia appena passato il corteo della contrada vincitrice del Palio, sotto una di queste finestre? Chi può dirlo? Ciò che è sicuro è che Siena è un incanto, anche solo per l’atmosfera magica che si respira nei sui vicoli medievali.

 

VERONA – Un affaccio speciale su Piazza delle erbe a Verona, è quello che si gode da una di queste finestre delle Case Mazzanti, appartenute anche ai Gonzaga. “Urbs picta”, così era anche conosciuta Verona, per gli affreschi sgargianti che decoravano i suoi bellissimi palazzi.

 

MONOPOLI – Una finestra sul cortile… quello di una casa immacolata di Monopoli, bellissima città di mare in provincia di Bari. Il profumo degli agrumi, un paesaggio magnifico seminato di uliveti e vecchie masserie in cui rilassarsi.

 

BURANO – Già nella nostra classifica delle 10 città più colorate del Mondo, Burano è uno scrigno di tesori. Immaginate affacciarsi da qui e godersi lo spettacolo di un villaggio magnifico uscito da una tavolozza d’artista.

 

fonte

Leggi anche:

L’epidemia vera non è quella per cui vendono i vaccini!

La differenza sta nella nostra libertà: ancora possiamo reagire, parlare, lottare, contrastare questi poteri. E abbiamo il dovere di farlo.

Una mamma vegana alla sua bambina

Il tuo impatto ambientale sarà molto più leggero su questa fragile terra.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi