Evasori internazionali

Usiamo tutti i giorni Google, Facebook, prodotti Microsoft o Apple.

Ma loro le tasse le pagano?

Assolutamente no, sono fra le compagnie che evadono di più il fisco sfruttando la loro dimensione multinazionale.

Non sono comunque le sole: fanno lo stesso banche, aziende di volo low cost, giganti come Ikea, la sorelle del petrolio.

Ora l’Unione Europea vuole metter fine alla festa: è una partita decisiva per ridurre la pressione fiscale sui cittadini altrimenti chiamati a pagare per tutti.

 


 

Leggi anche:

… di una maestra preoccupata

Rivolta a chiunque abbia a cuore il futuro dei bambini (e non solo)

IL DECRETO di David Gramiccioli

La ricostruzione con date e accadimenti di quanto ha portato alla approvazione della legge 119/17

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi