L’inchiesta – Voli CIA, giornalisti nel Mirino*

La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Un fax egiziano intercettato dai servizi segreti svizzeri e’ l’indizio piu’ concreto della presenza di carceri segrete dalla Cia in Europa. Il fax e’ stato pubblicato a gennaio dal settimanale svizzero ‘SonntagsBlick’. Le autorita’ egiziane hanno dichiarato subito che il fax non e’ altro che una ‘banale rassegna stampa’, mentre il ministro romeno Razvan Ungureanu ha respinto le accuse, contenute nel testo, che riguardano il suo Paese.

Dick Marty, che sta conducendo per il Consiglio d’Europa un’inchiesta sui voli e le carceri segrete della Cia in Europa, ha invece inserito il fax tra gli elementi che permettono di di rafforzare la pista riguardante la detenzione e il trasporto illegale di prigionieri nei Paesi europei. Intanto i giornalisti svizzeri (Sandro Brotz, Christoph Grenacher, Beat Jost) che hanno pubblicato il fax, stanno subendo da parte delle autorita’ elvetiche, un procedimento civile e militare per divulgazione di segreto di stato.

Claudio Fava, Relatore della Commissione d’inchiesta dell’Europarlamento sui voli Cia ha commentato cosi’ tutta la vicenda: “E’ perlomeno singolare che le uniche vittime delle inchieste in corso sulle prigioni segrete della Cia in Europa siano tre giornalisti svizzeri, colpevoli di aver fatto con scrupolo il loro lavoro”. L’inchiesta che segue racconta la storia di questo fax.

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi