L’inchiesta – Terra esplosiva *

La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Nuova inchiesta di Rainews24, dedicata a mine e cluster bomb, o bombe a grappolo che continuano a uccidere e mutilare in 90 paesi. Per ultimo l’Iraq, considerato dalle Nazioni Unite il paese con il maggior numero di ordigni inesplosi.
Il Kurdistan iracheno e’ stato minato a piu’ riprese. Su un terreno di soli 10 km sono state trovate circa 10 milioni di mine. E sono state proprio delle compagnie italiane a produrre queste mine, lo si puo’ comprovare a occhio nudo nelle zone dove la pioggia ha rimosso il terreno.

Dal 1997 l’Italia ha messo al bando le mine, ma continua ad essere uno dei 57 paesi al mondo ad avere cluster bomb nei propri arsenali e tra i 32 paesi produttori. Dall’ospedale di Emergency di Sulaymaniyah, dove le vittime di mine e ordigni inesplosi ricevono le cure necessarie ma anche la possibilita’ di prendere parte a dei programmi di formazione professionale, Rainews 24 ha ricercato le tracce della produzione di cluster, fino a un’azienda di Colleferro, alle porte di Roma.

La Simmel Difesa, che a fine 2004 ha oscurato il proprio catalogo ondine che riportava diversi modelli di queste armi, continua a esportare componenti di cluster. Rainews24 ha dimostrato in particolare l’esportazione di una tipologia di missili che le contengono, grazie all’esame delle relazioni annuali del governo stilate in base alla legge 185 del 1990 sul commercio di armamenti.



Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi