L’inchiesta – Sudan, l’energia che muove i conflitti *

La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Dopo il mandato di cattura per crimini contro l’umanità nel Darfur spiccato dal Tribunale internazionale dell’Aja nei confronti del presidente Omar al Bashir, il Sudan islamico si è aggiunto alla lista di stati ‘a rischio’ stilata dall’occidente. Ad aprile, inoltre, in questo Paese ci saranno le elezione a cui si aggiungerà, il prossimo anno, il referendum per la separazione della regione del sud. Uno stato che con la sua crisi può incendiare l’intera area anche in virtù della presenza di materie prime, come il petrolio.

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi