I DIECI COMANDAMENTI – Non uccidere

Si possono uccidere le persone così come si possono uccidere i loro progetti. Domenico Iannacone, nell’ultima puntata de I DIECI COMADAMENTI, racconta questi due modi di farlo.

A Cinisello Balsamo una storica fabbrica di viti non riesce più ad andare avanti. La crisi ha messo in ginocchio questa piccola azienda che non è più competitiva. Per non far morire la Costato srl, Laura e Eros, i proprietari, sono costretti a trasferirsi in Moldavia.

Le macchine costruite dal padre riprenderanno vita a 2000 km di distanza. La loro non è una storia isolata: sono già 700 le aziende italiane che si sono trasferite in Moldavia.

In Italia, nel corso di trent’anni, circa 120 mila persone si sono ammalate e oltre 2600, secondo l’Associazione Politrasfusi, sono morte a causa dei mancati controlli sul plasma e sui farmaci emoderivati. Aids ed epatite hanno distrutto le loro vite.

Una tragedia che ancora non ha trovato i colpevoli. Le migliaia di cause di risarcimento danni stanno andando in prescrizione e il processo penale, iniziato a Trento e successivamente trasferito a Napoli, è fermo da anni.

Nel comandamento Non uccidere la storia di Andrea Spinetti e Angelo Magrini, entrambi contagiati dal sangue infetto, e la loro battaglia per restare in vita e ottenere giustizia.

video

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi