I DIECI COMANDAMENTI – Terra di nessuno


Le inchieste di Domenico Iannaconei10comandamenti


Al centro del viaggio questa settimana  un pezzo d’Italia abbandonato a se stesso. Domenico Iannacone torna in Calabria  nella Piana di Gioia Tauro e nelle campagne di Rosarno per raccontare i problemi e le storie di chi ci vive.

A  quattro anni dalla rivolta degli immigrati le condizioni di vita dei braccianti agricoli non sono cambiate: miseria e sfruttamento regolano la vita di migliaia di persone che ogni anno si riversano nelle campagne per i raccolti stagionali. Da una parte la povertà e dall’altra la solidarietà: Bartolo un  piccolo commerciante della zona sta dedicando la sua vita agli immigrati  senza chiedere nulla alle istituzioni. Nella TERRA DI NESSUNO vivere e lavorare onestamente è quasi impossibile.

Michele Albanese è un  giornalista che da un anno vive sotto scorta per aver denunciato con i suoi articoli le cosche della ‘ndrangheta locale. Oggi ha perso la libertà di fare il suo lavoro e di raccontare la verità.

Antonino De Masi è un imprenditore che si è sempre ribellato al pizzo e alla sopraffazione  e prima di lui suo padre. La sua azienda, una piccola eccellenza nel campo della meccanica agricola, ha subito innumerevoli attentati. Oggi la sua famiglia si è dovuta allontanare dalla Calabria per motivi di sicurezza, mentre lui resiste insieme ai suoi operai. Per continuare a produrre però è dovuto intervenire l’Esercito, il  suo stabilimento da mesi è presidiato notte e giorno dai militari.

Salvatore Barbagallo  invece ha perso tutto. Faceva l’imprenditore  ed ora vive in povertà. La ‘ndrangheta lo ha per anni perseguitato fino a farlo fallire. Per vivere oggi è costretto a fare il badante e a  chiedere aiuto alla Caritas.

La TERRA DI NESSUNO non è un luogo immaginario ma una parte del nostro Paese abitata da uomini e donne che attraverso le loro storie chiedono di non essere dimenticati.

video

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi