LA VACCINAZIONE DI MASSA: BUSINESS MILIONARIO A FAVORE DELLA LOBBY DEL FARMACO?

3813

di Cinzia Marchegiani

Sul caso del calo delle vaccinazioni e la volontà di far passare il vaccino esavalente come una profilassi obbligatoria, pena il divieto di frequentare la scuola della pubblica istruzione, pur sapendo che due vaccini inseriti in questa profilassi indicata e imposta dal Ministero della salute sono invece facoltativi, è scattata un’emergenza soprattutto giocata mediaticamente a lanci di titoloni in tg e giornali e poi continue rettifiche.

Cosa si nasconde dietro questa manovra Stato Regioni? L’Osservatore d’Italia che da tempo segue le inchieste sanitarie soprattutto sugli scandali sanitari legati ai vaccini, ha seguito in silenzio l’evolversi di questa situazione. Parte così la prima parte di un’inchiesta tesa a comprendere uno stravolgimento epico del Piano Nazionale delle vaccinazioni che vanno a colpire le libertà individuali nel poter usufruire o meno di un medicamento che non è esente da alcun rischio.

Morte di una bimba di pertosse. L’ISS ha attivato una campagna mediatica dopo il decesso di una bimba al Sant’Orsola di Bologna dopo che alcuni giornali avevano riportato la drammatica notizia. Il sito dell’Ospedale stranamente non rilascia alcun comunicato, la morte però sembrerebbe essere attribuita inequivocabilmente alla mancanza di vaccinazione da antipertosse, che si trova solo nell’esavalente (ma dovrebbe essere facoltativa) ovviamente non della neonata, non poteva per età anagrafica essere sottoposta ad alcuna vaccinazione. Ma in realtà poco o nulla si sa come questa bambina è stata monitorata dai medici, come è stata fatta la diagnosi, e come e quando è stata curata. Nella speranza che in merito a questo caso di malasanità sia stata avviata un’inchiesta specifica, dal portale dal portale dell’Epidemiologia della sanità pubblica si apprende: “Un adeguato e precoce trattamento antibiotico permette la guarigione in una quindicina di giorni, ma soprattutto che a differenza delle altre malattie infantili, l’immunità conferita da una prima infezione non è definitiva, ma declina col tempo. Esiste un vaccino che dovrebbe immunizzare e proteggere soprattutto i bambini da questa malattia, ma si apprende però che nelle popolazioni vaccinate si è osservato un ritorno della pertosse a causa della perdita progressiva di immunità”.

Focus lungimirante de l’Osservatore d’Italia sul vaccino antipertosse. L’Osservatore d’Italia, lo scorso giugno 2015, e quindi in tempi non sospetti, aveva realizzato un focus su questa malattia e il relativo vaccino, intervistando il dr Girolamo Giannotta, che aveva anticipato con una lungimiranza ora impressionate, un problema sanitario legato proprio al vaccino antipertosse. Infatti nell’assordante silenzio che pervade il mondo accademico e le nostre massime Autorità Sanitarie, la voce del dr Giannotta nell’arco di un mese si era sollevata ben tre volte per dire che questo vaccino è morto ed andrebbe sepolto al più presto prima di amplificare a dismisura i danni già prodotti. L’autore di questa scoperta ci spiegava anche nel dettaglio il motivo:“Poiché la storia ha un senso, devo preliminarmente ricordare che l’ho detto anche nel corso di un’intervista radiofonica il 30 aprile, l’ho ripetuto ad un convegno il 23 maggio, ed ora sono qui per il terzo appello. Purtroppo, per il concorso di diverse cause, questo vaccino non solo non funziona più, ma rende i vaccinati ospiti privilegiati per i nuovi ceppi di Bordetella pertussis che infettano preferibilmente i soggetti vaccinati adolescenti e giovani adulti, che, a loro volta, diffondono la malattia in seno alla popolazione della quale sono parte”. Non solo ma lo stesso dr Giannotta aveva schematicamente allarmato le istituzioni sanitarie facendo un riassunto che qui riportiamo:
1. Il vaccino anti-Pertosse rimarrà inefficace.
2. Si amplierà la sub-popolazione suscettibile alla Pertosse.
3. La Bordetella pertussis troverà molto ospitali i soggetti vaccinati.
4. I soggetti vaccinati diffonderanno la Pertosse poiché ospiti privilegiati dei nuovi ceppi batterici PRN

con il quale lo stesso autore invitava il mondo sanitario all’obbligo e necessità di capire cosa stava accadendo con questo vaccino senza pregiudizi, ancorandosi seriamente alla deontologia del medico, che non deve nuocere al paziente, di un vaccino ormai sul viale del tramonto. Ora le sue parole ora sembrano un macigno: “Concludendo, posso dire che dal matematico e dal biologo è arrivata l’unica cosa sensata, che l’ambiente medico dimostra di non aver considerato visto com’è impegnato a promuovere dosi aggiuntive di un vaccino incamminato sul viale del tramonto”.

Ottobre 2015, dopo 4 mesi dall’inchiesta vaccino antipertosse scoppia il caso a Bologna. Dunque, nonostante questi importanti informazioni scientifiche basilari che gli organi competenti ministeriali conosco alla perfezione, ad Ottobre 2015 si è preferito allarmare tutta la popolazione, quando ancora risulta un caso di malasanità ancora da accertare. L’innesco, la tragica morte di una bambina, sembrerebbe aver fatto da leva per una campagna tesa a rendere obbligatori tutti i 6 vaccini, e per coercizzare i genitori alla praticare la profilassi vaccinale, pena il divieto di accesso alla scuola di istruzione se il libretto vaccinale non è in regola. Questa nuova legge di cui si è paventata l’ipotesi, sarà affrontata alla conferenza Stato regioni.

Sanzione ai medici, il dietro front mascherato della Lorenzin. Dopo l’annuncio che i medici potrebbero essere sanzionati qualora non consigliano ai genitori la vaccinazione, e dopo un’accesa rappresaglia degli stessi medici, la Lorenzin fa dietro front con un comunicato sul sito istituzionale del 16 ottobre 2015dove dichiara: “In relazione a quanto pubblicato da diversi organi di stampa secondo cui sarebbero allo studio sanzioni, quali la radiazione, per i medici che sconsigliano le vaccinazioni obbligatorie, si precisa che la notizia è priva di ogni fondamento. La bozza di Piano Nazionale Vaccini, attualmente all’esame della Conferenza delle Regioni, prevede esclusivamente percorsi di concertazione con gli Ordini e le associazioni professionali e sindacali per cogliere l’obiettivo condiviso di garantire adeguate coperture vaccinali”.

Ma la bozza del Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale PNPV 2016-2018 era già pronta e dice altro. Per magia il giorno dopo il dietro front della Lorenzin è stata pubblicata la bozza del Piano nazionale Prevenzione vaccinale 2016/2018 in cui si citano le sanzioni anche contrattuali per chi boicotta le vaccinazioni. Fulminea la stesura della Bozza che sarà discussa alla prossima conferenza Stato regioni, che però la Lorenzin a quanto sembra scarica alla responsabilità delle regioni, come ha fatto precedentemente con il caso sanzioni ai medici sull’appropriatezza delle analisi cliniche alle regioni, una manovra questa del piano Vaccinazioni che dovrebbe trovare 620 milioni di euro.

I punti della strategie di informazione nella bozza. Quesiti i punti più importanti
. il monitoraggio costante del “sentimento anti-vaccinazione”, così da garantire tempestivamente risposte corrette alle informazioni inesatte o false;
. una risposta tempestiva, trasparente e affidabile in caso di eventi avversi a vaccino accertati o sospetti e a timori relative alla sicurezza dei vaccini;
. l’inserimento della vaccinologia nel corso degli studi universitari di medicina e offrendo l’opportunità di formazione specifica agli operatori sanitari, da parte delle facoltà mediche, delle autorità sanitarie e delle associazioni professionali e scientifiche;
. la formazione degli operatori sanitari sulla comunicazione del rischio al pubblico, gestendo le esitazioni nell’aderire alle vaccinazioni, sottolineandone i vantaggi e il valore;
. le azioni di deterrenza e disciplina etica e professionale nei confronti dei medici e degli operatori infedeli che non raccomandano o sconsigliano la vaccinazione.

Codacons e la vaccinazione di massa: e’ campagna a favore della lobby del farmaco. Il Codacons si dichiara pronto ad una raffica di denunce contro vaccinazione di massa. Interviene secco il Codacons che già si era espresso contro la vaccinazione esavalente di fatto giudicato un favore alle lobbies farmaceutiche che propongono prodotti farmaceutici non conformi alla legge italiana che invero rende obbligatori solo 4 vaccini, mentre nel prodotto che lo Stato acquista è sempre e solo un vaccino esavalente. In merito il Codacons dichiara:
Sembra siano partite le grandi manovre delle case farmaceutiche per arricchirsi grazie all’allarme vaccini scoppiato di recente in Italia. Lo afferma il Codacons, commentando le notizie circolate nelle ultime ore e relative a possibili provvedimenti in tema di vaccinazione” Il presidente Carlo Rienzi tuona: “Spaventare i medici che non ritengono di suggerire la vaccinazione a tutti i costi equivale a commettere una forma di violenza, della quale si può essere chiamati a rispondere dinanzi la giustizia. Continuiamo a ritenere che i vaccini siano fondamentali, ma solo per le categorie a rischio. Altrimenti si alimenta un business milionario con ricadute economiche negative anche per le casse dello Stato”.

Il Codacons ricorda in merito, il caso del vaccino antinfluenzale del 2004 che si rivelò inefficace a causa del ceppo sbagliato, portando ad un immenso spreco per milioni di euro a danno di moltissimi cittadini che finirono comunque per ammalarsi, e del SSN. Per non parlare del caso controverso del vaccino pediatrico: nonostante la legge preveda solo 4 vaccini obbligatori, in Italia si ricorre all’esavalente, con un regalo pari a 114 milioni di euro annui in favore dell’industria farmaceutica”. Va ricordasto che allora il Ministero della salute e la Novartis contrattualizzarono un contratto segretato.

Focus Legislatura sulle vaccinazioni.
La Costituzione, all’art 32 stabilisce che “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”. Il secondo comma precisa che “nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.

Come aggirare la legge e le libertà? In attuazione della riserva di legge prevista dalla nostra Carta dei Diritti, sono previsti dei vaccini cd. obbligatori, approntati dal Ministero della Salute, che consistono nella somministrazione controllata di microrganismi (virus o batteri) uccisi o depotenziati contenenti antigeni; ciò permette all’organismo di attivare le proprie difese immunitarie producendo anticorpi che potranno essere poi utilizzanti in caso di future aggressioni da parte dello stesso agente patogeno.

Ancora i genitori non conoscono la differenza tra le vaccinazioni obbligatori e facoltative. Un caso voluto? Le vaccinazioni obbligatorie per i nuovi nati, secondo il più recente Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale, sono quelle per difterite, tetano, poliomielite, epatite B.
Tutti gli altri sono facoltativi. Le altre vaccinazioni sono “raccomandate” e quindi facoltative, ad esempio quelle contro morbillo, parotite, pertosse, rosolia, Haemophilus influenzae b, pneumococco, menigococco C e, recentemente, papilloma virus umano (HPV).
Tuttavia, come ogni trattamento medico, anche i vaccini possono provocare effetti indesiderati anche gravi e permanenti. Di fatto ai centri vaccinali viene somministrato esclusivamente l’esavalente che oltre ai 4 obbligatori, contiene pertosse e Haemophilis influenzae b. Chi c’è dietro questo grande monopolio?

L’indennizzo per danni da vaccinazione. Il legislatore è intervenuto a disciplinare questa evenienza con la legge del 25 febbraio 1992 n.210“Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazioni di emoderivati”.

Danni da vaccino, incidenti di percorso e risarcimento. L’indennizzo è previsto a favore di “chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica” ed anche nei confronti di altri soggetti appositamente indicati dall’art. 1 della legge 210/1992 tra cui figurano anche le persone non vaccinate che abbiano riportato i medesimi danni a seguito ed in conseguenza di contatto con persona vaccinata. L’indennizzo era inizialmente escluso nei confronti delle persone danneggiate da quei vaccini non obbligatori, ma raccomandati dalle autorità sanitarie, anche in occasione delle cd. “campagne di prevenzione”. (tratto da studioCataldi)

Finisce la prima parte dell’inchiesta de l’Osservatore d’Italia, nella prossima sarà nel dettaglio analizzate le variabili che potrebbero aver innescato la volontà di attuare una grande vaccinazione di massa, con l’auspicio che chi è interessato possa provvedere a chiarire definitivamente se esiste un monopolio che traerebbe ancora ulteriore vantaggio da questa manovra over milionaria. Certo, strano e quasi illogico in un momento dove la pertosse si può curare con netto anticipo grazie alle diagnosi corrette, e per ultimo, ma non per priorità, che lo stesso vaccino antipertosse (che si vorrebbe includere nell’obbligatorio) ha chiari principi di illogicità nel tamponare la diffusione di questa malattia, è un untore accertato. Qualcuno indaghi e di fretta. 

fonte : http://osservatoreitalia.it/index.asp?art=5907

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi