La storia siamo noi – Le voci dell`11 settembre

La trasmissione La Storia Siamo Noi di Giovanni Minoli linkata per chi non riesce a visualizzare dal sito Rai.tv causa “malfunzionamento” dello script silverlight …


 L`incubo in presa diretta

New York, 11 settembre 2001. Il terribile attentato alle Torri Gemelle del World Trade Center travolge oltre alle vite delle vittime anche il destino e l’intero corso della nostra Storia. La puntata racconta il dramma in tempo reale, attraverso le registrazioni delle ultime telefonate effettuate da coloro che hanno vissuto quel drammatico epilogo.
L11 settembre 2001 è una data che entrerà nei libri di Storia come la seconda Pearl Harbour. Alle 8.48 un Boeing 767 dell’American Airlines partito dall’aeroporto Logan di Boston alle 7.59 e diretto a Los Angeles colpisce in pieno una delle due Torri del World Trade Center di New York. Fumo e fiamme avvolgono i piani superiori dell’edificio: 92 persone perdono la vita in seguito allo schianto. Un secondo Boeing 767 della United Airlines partito da Boston e diretto a Los Angeles si schianta contro la seconda Torre provocando una forte esplosione: a bordo 64 passeggeri.
Il Presidente americano George Bush in visita a Sarasota, in Florida, dichiara che: “si tratta  apparentemente di un attacco terroristico”. Parte immediatamente e ordina un’indagine completa per dare la caccia ai terroristi. La Casa Bianca viene evacuata. Subito dopo tocca al Pentagono, che ospita il Ministero della Difesa americano. L’edificio del Dipartimento di Stato americano nel centro di Washington viene evacuato.
Un terzo aereo, un Boeing 757 dell’American Airlines partito da Washington alle 9.40 e diretto a Los Angeles, con a bordo 64 persone, si schianta sul Pentagono. Alle 10.00 l’Aviazione civile americana (FAA) ordina l’annullamento di tutti i voli civili negli Stati Uniti: è la prima volta nella storia degli USA. La Torre Sud del World Trade Center crolla su se stessa dopo una violenta esplosione sollevando un’enorme nuvola di polvere. Crolla un’ala del Pentagono.
Un aereo della United Airlines diretto a San Francisco si schianta al suolo in Pennsylvania, nei pressi di Shanksville a sud-est di Pittsburgh. Perdono la vita 45 persone. L’edificio delle Nazioni Unite a New York viene evacuato. A Washington vengono evacuati gli edifici del Ministero della Giustizia e della Banca Mondiale. Tutti i voli diretti sugli Stati Uniti vengono dirottati in Canada. La Torre Nord del World Trade Center crolla a sua volta scagliando migliaia di tonnellate di detriti sulle strade circostanti. Una mostruosa nuvola di fumo avvolge l’intera isola di Manhattan.
Un’autobomba scoppia davanti al Dipartimento di Stato a Washington. Il sindaco di New York, Rudolph Giuliani ordina l’evacuazione della parte meridionale di Manhattan. La Fox News annuncia che i morti sarebbero 10.000. Dalla base militare di Barksdale il Presidente Bush dichiara: “la libertà stessa è stata attaccata, la libertà sarà difesa”. Mentre tutto questo accadeva, le persone sugli aerei, quelle intrappolate nelle due Torri, i pompieri accorsi per salvarle parlano al telefono con i familiari. Migliaia di registrazioni che raccontano la paura, il coraggio, la vita negli ultimi istanti.

video

 

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi