La storia siamo noi – La strage di Fiumicino

La trasmissione La Storia Siamo Noi di Giovanni Minoli linkata per chi non riesce a visualizzare dal sito Rai.tv causa “malfunzionamento” dello script silverlight …


 

Una mattina di dicembre

Il 27 dicembre del 1985, alle 9 circa del mattino, un commando di quattro terroristi palestinesi viene intercettato all’aeroporto di Fiumicino dagli agenti di sicurezza israeliani che proteggono i banchi accettazione della compagnia aerea El Al.
E’ una strage. Nello scontro a fuoco che ne segue muoiono dieci passeggeri ed un’ottantina di feriti, oltre a tre dei quattro terroristi.
In quello stesso momento, la stessa scena si ripete all’aeroporto di Vienna dove muoiono quattro passeggeri, mentre i feriti sono 47.
E’ un attacco simultaneo che in Italia non ha precedenti, quasi una premonizione di quanto capiterà sedici anni più tardi, l’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle.
Nel 1985, quell’attacco segna un ennesimo, tragico salto di qualità del terrorismo palestinese. Un decennio di sangue, di attentati in Italia e in Europa che ha vissuto una sorta di guerra a bassa intensità.
Ci affidiamo ai ricordi dell’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Fiumicino: Ibrahim Khaled. All’epoca era un ragazzo di 18 anni. Oggi è invece un adulto che vuole lasciarsi quell’orrore alle spalle, anche per questo ha accettato rilasciare un’intervista a La Storia Siamo Noi.

 

[jwplayer mediaid=”20748″]

 

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi