La storia siamo noi – Giovanni Falcone

La trasmissione La Storia Siamo Noi di Giovanni Minoli linkata per chi non riesce a visualizzare dal sito Rai.tv causa “malfunzionamento” dello script silverlight …


Anomalia palermitana

Il 1992 è l’anno in cui la mafia compie le sue azioni più sanguinose, minacciando di mettere in ginocchio lo Stato.

Il 23 maggio a Capaci (Palermo), alle 17.58 sull’autostrada, due quintali di tritolo fanno saltare in aria l’auto sulla quale viaggiano il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre uomini della scorta.

Ma chi è il giudice Falcone: è un eroe del quotidiano, un uomo che ha combattuto la mafia nonostante gli ostacoli, le difficoltà e i violentissimi attacchi subiti anche dalla stessa magistratura. Un uomo che ha lottato finché ha potuto, fino a quel 23 maggio del ’92, il giorno della strage di Capaci. Dopo meno di due mesi il 19 luglio, ancora a Palermo, un altro attentato massacra un suo grande amico e collega, il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta.

Le due stragi del 1992 segnano dunque il punto più alto del conflitto tra mafia e Stato. Un martirio che ha ferito profondamente le Istituzioni e la coscienza collettiva. 

video

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi