Blu Notte – Dentro Cosa Nostra

Le  puntate di BLU NOTTE di Carlo Lucarelli linkate per chi non riesce a visualizzare dal sito Rai.tv causa “malfunzionamento” dello script silverlight …


23/10/2009

La storia del “pentitismo” di mafia: dalle importanti confessioni di Leonardo Vitale e Tommaso Buscetta, i due primi importanti boss mafiosi che iniziano un percorso di collaborazione con la giustizia, alla prima legge sui “pentiti” che viene approvata in Italia nel 1991 e che segna un passo decisivo nella lotta alla mafia.

Le testimonianze dei collaboratori di giustizia non solo evocano spaccati di vita dai tratti a volte impressionanti ma  ricostruiscono la storia di una delle più importanti organizzazioni criminali di tutti i tempi. Un’occasione unica per conoscere Cosa Nostra dal suo interno.

Il 15 luglio 1984 arriva a Roma, estradato dagli Stati Uniti, Tommaso Buscetta. Reduce da un tentativo di suicidio e dallo sterminio di quasi tutta la sua famiglia, si “pente” e grazie alla sua collaborazione con il giudice Giovanni Falcone, per la prima volta la Mafia comincia a non avere più un misteri.
Buscetta parla, svela organigrammi, nomi, traffici, struttura, omicidi. Si ferma solo quando sta per parlare dei rapporti tra mafia e politica. La sua confessione è uno dei pilastri su cui si basa il Maxiprocesso, il primo vero e proprio processo alla Mafia.

La prima legge sui collaboratori di giustizia in Italia viene varata nel 1991. I suoi effetti sono dirompenti: moltissimi mafiosi, dopo le condanne del Maxiprocesso e le conseguenze della sanguinosa guerra interna scatenata dai Corleonesi, iniziano a collaborare usufruendo dei programmi di protezione e reinserimento della legge. La Mafia sembra quasi sconfitta.

Nel 2001 è approvata una nuova legge – che per alcuni restringe i troppi “privilegi”, mentre per altri, di fatto, indebolisce le possibilità di scoprire, attraverso l’aiuto dei collaboratori di giustizia, il cosiddetto terzo livello: i rapporti della mafia con la politica.

Le testimonianze dei numerosi ‘pentiti’ non solo ripercorrono vicende umane dai tratti sconvolgenti, ma anche la storia  di una delle maggiori organizzazioni criminali di tutti i tempi. Un’occasione unica per conoscere la Mafia dal suo interno.

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi