Scegliere di poter scegliere garanzie a tutela della Salute

Un figlio è il bene più prezioso che la natura ci ha concesso di godere. Un esserino simile a noi, piccolo piccolo, con 5 dita per ogni mano (quante volte le ho contate guardandolo attraverso lo schermo in bianco e nero di quella meravigliosa macchina chiamata Ecografo).

Eppure già da allora mi preoccupavo per la sua incolumità, mi chiedevo se quegli “Echi” potessero essere per lui dannosi, considerando la frequenza a cui mi si indicava di sottoporre il pancione della moglie. Per poi fare attenzione durante la guida a non prender buche, tenere bassi i rumori che potessero risultare molesti, l’attenzione nella alimentazione in gestazione e li… tutti i consigli “della nonna” che ho ancora vivi nei ricordi.

La scelta del passeggino, il cuscino antisoffoco, il succhiotto anti-singhiozzo, i pigiamini in cotone non “cinese” e le scarpette coi laccetti che confido esserne rimasto folgorato (calzo una 44 immaginate la differenza).

La faccio breve per non tediarvi, anche se i ricordi li vivo sempre volentieri…

Arriva il momento in cui nella cassetta della posta trovi l’invito del centro vaccinale, che ti chiede di portare quel fagottino che a colpi di pannolini e biberon e tisane, e cremine, e … ok la smetto!!, ha già rivoluzionato il budget familiare verso il lastrico.

Il pediatra che già conosce lo scricciolo infagottato guarda un cartoncino e io mi sento già rassicurato, ci ha riconosciuto ma non ricorda il nome (posso capirlo chissà quanti ne ha visti oggi e chissà quanti ne ha in assistenza…), poi mi chiede: come è il cognome??

ah quindi sa che sono un cliente ma non come mi chiamo?? vabbè sorvolo…

Veniamo al dunque… le vaccinazioni sono importanti…, è un atto d’amore di voi genitori…, non vorrete mica farlo ammalare…, sono decenni che si praticano e bla bla bla.

Ecco, portate questo foglio insieme alla lettera e dite che siete stati da me e tutto è risolto. 2 minuti casello/casello come direbbe un mio amico che è appassionato di auto veloci e sportive. Sorriso a 360 gradi, orgogliosi di uscire dalla stanza e salutare altri genitori con fagottini anche loro visibilmente sul lastrico, esponendo e baciando la progenie come faceva Pelè con la coppa Rimetti (o forse non era la Rimetti ma non mi intendo di calcio e questa è un’altra storia…).

Giorno dopo centro vaccinale, sguardo di preoccupazione di ordinanza per come avrebbe reagito al primo ago della sua vita, l’idiozia di pensare alla umanità del medico chiedendo di fare piano per non fargli sentire dolore e lui che dice: firmi qui e si giri dall’altra parte!!

Vabbè, gli sto antipatico, meglio che mi scansi e lasci fare a lui, nel mentre l’udito mi diventa acuto al punto tale da riconoscere i rumori che fanno i bottoni automatici quando li slacci, tic… tic… tic… pausa… UUUAAAA.

Mi giro e vedo il medico già alla porta che chiama un altro… 2 minuti casello/casello (sempre quel mio amico di prima).

Oggi, più consapevole di ieri, mi sarebbe piaciuto avere risposte a questi dubbi:

Quanti e quali sono i vaccini cosiddetti obbligatori?

Quanti e quali sono i vaccini cosiddetti obbligatori?

Sono 4, contro la Poliomielite, Difterite, Tetano, EpatiteB

Cosa mi fanno firmare così di fretta e di cui non mi rimane alcuna copia?

Cosa mi fanno firmare così di fretta e di cui non mi rimane alcuna copia?

Si chiama consenso “informato”, manleva lo Stato e il medico che vaccina da ogni responsabilità su eventuali reazioni avverse!

2 iniezioni (una per ogni gamba) solo per i vaccini obbligatori?

2 iniezioni (una per ogni gamba) solo per i vaccini obbligatori?

7 vaccini (4 ”obbligatori” più 3 facoltativi – Pertosse, Haemophilus B, Pneumococco) senza possibilità di ottenerli singolarmente come previsto dalla legge!

Cosa è quel liquido che sta per essere iniettato?

Cosa è quel liquido che sta per essere iniettato?

È un farmaco, che viene somministrato con atto medico. Come tutti i farmaci può avere effetti collaterali e dare reazioni avverse.

Il medico deve fare qualcosa prima della iniezione?

Il medico deve fare qualcosa prima della iniezione?

Deve fare una visita accurata, raccogliere l’anamnesi familiare, individuare le malattie ereditarie e autoimmunitarie presenti nella parentela e valutare (dopo i test previsti dalla legge) l’opportunità di vaccinare o meno il lattante.

Rivestito il bambino posso andare via?

Rivestito il bambino posso andare via?

Dovreste aspettare in sala d’attesa almeno 30 minuti per scongiurare eventuali shock anafilattici che solo il medico può trattare con atropina e eventualmente con l’uso di un defibrillatore semiautomatico nei casi gravi. L’intervento deve essere tempestivo e non affidato al 118 che potrebbe non arrivare in tempo.

Cosa mi deve consegnare il medico vaccinatore?

Cosa mi deve consegnare il medico vaccinatore?

Il libretto vaccinale aggiornato con data / tipologia e denominazione del farmaco / etichetta lotto di produzione – scadenza / firma. Inoltre è previsto dalla legge 210/92 la consegna della scheda di farmaco-vigilanza; Il genitore deve pretendere che vengano riportate tutte le reazioni e gli effetti collaterali anche quelli “banali” come il ponfo e la febbre dagli operatori sanitari (pediatra, vaccinatore, pronto soccorso ecc.) nei giorni immediatamente successivi.

I vaccini sono pericolosi?

I vaccini sono pericolosi?

Vaccinare è un atto medico non esente da rischi, la tenera età non consente di investigare appieno su patologie non evidenti che potrebbero essere slatentizzate da uno dei componenti del vaccino (antigeni/adiuvanti/conservanti/antibiotici/anti-contaminanti…)

Quante volte dovrò portare il bambino a vaccinare?

Quante volte dovrò portare il bambino a vaccinare?

Entro i 24 mesi ogni bambino italiano riceverà dai 27 ai 30 vaccini, ma cambia da regione a regione e secondo il piano triennale del Ministero della Salute in vigore nel periodo.

Si può rimandare la vaccinazione?

Si può rimandare la vaccinazione?

In molti Paesi del mondo le vaccinazioni sono spostate dopo il primo anno di vita quando il sistema immunitario è più maturo.

Se non vaccino il bambino può andare a scuola?

Se non vaccino il bambino può andare a scuola?

La legge prevede che un bambino non vaccinato può comunque frequentare asilo nido e scuola di ogni ordine e grado. (Decreto Presidente della Repubblica n.355 del 26/01/1999). Le regioni però stanno deliberando diversamente nella fascia di età 0/3 e 0/6 anni. La situazione è diversa da regione a regione, a volte anche in comuni adiacenti.

Non so se definirmi immaturo o incosciente, però oggi sono più consapevole ma per il mio scricciolo non posso perdonarmi la leggerezza… oggi però sono impegnato a cercare una scuola che abbia le insegnanti di ruolo, una sede stabile, personale all’altezza dell’infanzia, la mensa curata da una nutrizionista, le bidelle brave, belle e attente.

… dimenticavo una scuola che abbia i “soffitti che non crollano”, una palestra riscaldata in inverno, e i bagni con carta igienica e ninnoli vari.

Voglio troppo?? lo so, alcuni si devono accontentare dei container ma almeno quelli hanno il soffitto che non crolla, peccato che è la scuola a essere crollata.

Meditate gente meditate!!

Leggi anche:

Infanrix Hexa e morte improvvisa: una revisione dell’aggiornamento dei rapporti periodici della sicurezza presentati all’Agenzia Europea per i Medicinali

Ci sono stati diversi rapporti spontanei di morte improvvisa inattesa subito dopo la somministrazione di Infanrix Hexa

Le iniezioni sottocutanee di alluminio (sali), usato come adiuvante nei vaccini, attivano i geni immunitari innati nel cervello del topo che sono omologhi ai biomarkers dell’autismo

I meccanismi sottostanti alla neurotossicità dell'alluminio come adiuvante nei vaccini sono stati studiati.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi