I medici non sono esperti di vaccini. Fatevene una ragione

22/11/2015 by Marco Cáceres di Iorio

Vi è una credenza comune che i medici siano “esperti” circa vaccini e vaccinazioni. Quasi nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Il medico medio, per esempio, non sa i nomi degli ingredienti nei vaccini, o che cosa sono e come interagiscono tra loro. Il medico medio non sa come i vaccini influiscano sul sistema immunitario o sul sistema nervoso centrale o sul microbioma intestinale, o come l’effetto dei vaccini su uno di questi sistemi potrebbe, a sua volta, impattarne un altro o entrambi gli altri.

Eppure, siamo condizionati ad accettare come un dato di fatto che i nostri medici di famiglia, i nostri pediatri e gli specialisti che di tanto in tanto consultiamo anche in cerca di un trattamento sanitario, sappiano di cosa stanno parlando quando si tratta di sicurezza ed efficacia dei vaccini. Ci è stato insegnato di non contraddire, o addirittura non mettere in discussione, i medici sui vaccini, perché nessuno può conoscerli meglio di loro.

La nostra ipotesi è che i medici ricevano una grande quantità di istruzione e formazione riguardo la scienza della vaccinazione alla facoltà di medicina, e poi forse ancora di più durante i loro indirizzi successivi.
Dopo tutto, se si è riconosciuti come esperti in qualcosa, è necessario avere molto di più di una semplice introduzione di passaggio in un ambito, o di uno o due corsi o di qualcosa legato ad esso.
Si potrebbe pensare che i medici per essere considerati esperti in vaccini seguano corsi in “vaccinologia” durante la scuola di medicina. Ma questo non sembra essere il caso.

Più che probabile, le informazioni sulla vaccinologia nelle scuole di medicina e di cura non sono concentrate all’interno di corsi di specializzazione, piuttosto sono erogate all’interno di altri corsi in programmi di studio specializzati, come immunologia, malattie infettive, pediatria, farmacologia, farmacovigilanza e salute pubblica.2

Non c’è dubbio che il tema dei vaccini venga trattato di tanto in tanto alla facoltà di medicina. Tuttavia, perché la scienza della vaccinazione si presuma dimostrata, quindi non per domanda o discutibilmente, non sembra che meriti un intero corso, e tanto meno un curriculum esaustivo. Dunque cosa imparano esattamente i medici alla scuola medica per quanto riguarda i vaccini e le vaccinazioni?

Larry Palevksy, è un pediatra. Ha ricevuto la sua laurea in medicina presso la New York University School of Medicine di New York City1. Ecco quello che il dottor Palevsky ha da dire riguardo alla sua formazione sui vaccini:

Quando ho frequentato la scuola di medicina mi è stato insegnato che i vaccini erano completamente sicuri e completamente efficaci e non avevo alcun motivo per credere il contrario. Tutte le informazioni che mi sono state date erano piuttosto standard per tutte le scuole di medicina e negli insegnamenti e nella letteratura scientifica di tutto il Paese.
Non avevo motivo di non credere a questo.

Nel corso degli anni, ho continuato a praticare la medicina e l’utilizzo dei vaccini e a pensare che il mio approccio ai vaccini era completamente in linea con tutto il resto che mi era stato insegnato. Ma continuavo sempre di più a vedere che la mia esperienza personale, la mia esperienza nell’uso e la letteratura sui vaccini, e sentendo ciò che i genitori stavano dicendo circa i vaccini, era molto diverso da quello che mi è stato insegnato alla scuola medica e nella mia formazione di specializzazione.

… e mi è diventato più chiaro man mano che leggevo le ricerche, ascoltavo sempre più genitori e trovavo altri praticanti che condividevano la mia stessa preoccupazione che i vaccini non fossero stati completamente dimostrati sicuri o addirittura non completamente efficaci, sulla base della letteratura che abbiamo oggi.

… non sembra che gli studi scientifici che ci hanno dato siano stati effettivamente concepiti in modo appropriato per provare e testare la sicurezza e l’efficacia.

Inoltre è venuto alla mia attenzione che ci sono ingredienti che non sono stati adeguatamente testati, che i gruppi di confronto non sono stati opportunamente istituiti, e che le conclusioni fatte circa la sicurezza dei vaccini e l’efficacia semplicemente non si adattano agli standard scientifici che sono stato addestrato a sostenere nella mia formazione alla scuola medica.1

Nota al commento del Dr. Palevsky “Tutte le informazioni che mi sono stato date erano piuttosto standard in tutte le scuole di medicina e negli insegnamenti e nella letteratura scientifica di tutto il Paese”: quindi non è che l’esperienza del Dr. Palevsky fosse unica. E non è che il Dr. Palevsky frequentasse una scuola alternativa o poco ortodossa. Nel 2015, la NYU Medical School è stata classificato 14° tra le scuole mediche migliori negli Stati Uniti3.

Suzanne Humphrie, nefrologa e medico di famiglia4, fa eco al dottor Palevsky:

Sapete quanto imparano i medici sui vaccini alla scuola di medicina? Quando noi partecipiamo alla formazione pediatrica si apprende che i vaccini hanno bisogno di essere dati nei tempi previsti. Veniamo a sapere che il vaiolo e la poliomielite sono stati eliminati dai vaccini. Veniamo a sapere che non c’è bisogno di sapere come trattare la difterite, perché non la vedremo comunque comparire nuovamente.
Ci indottrinano con il mantra che ‘i vaccini sono sicuri ed efficaci’ — ma nulla di ciò è vero.

Ai medici oggi viene data una formazione completa su come parlare ai genitori esitanti per spaventarli gonfiando enormemente i rischi di un’infezione naturale in corso. Sono addestrati alla necessità di torcere le braccia dei genitori per conformarli.
I medici sono addestrati al fatto che nulla di male debba essere detto su qualsiasi vaccino, punto5.

Il Dr. Humphries ha ricevuto la sua laurea in medicina presso la Temple University School of Medicine a Philadelphia. Ma quasi tutto quello che ha conosciuto sui vaccini è arrivato dal suo studio indipendente e di ricerca. È co-autore del libro “Dissoluzione delle illusioni: malattie, vaccini, e la storia dimenticata”, pubblicato nel 20136.

Poi c’è anche Bob Sears, un altro pediatra che in gran parte si è auto-istruito in materia di vaccini. Ha ricevuto la sua laurea in medicina presso la Georgetown University School of Medicine di Washington.
Il Dr. Sears è autore del libro “Il libro del vaccino: prendere la decisione giusta per il vostro bambino”, pubblicato nel 20117.

Secondo il Dr. Sears:

I medici, me compreso, imparano molto sulle malattie alla scuola di medicina, ma impariamo molto poco sui vaccini, a parte il fatto che società farmaceutiche e FDA fanno ricerche approfondite sui vaccini per assicurarsi che siano sicuri ed efficaci.
Non esaminiamo la ricerca effettuata. Non abbiamo mai imparato che cosa vanno a fare i vaccini o come la loro sicurezza sia studiata. Abbiamo fiducia e diamo per scontato che i ricercatori stiano facendo il loro lavoro. Così, quando i pazienti vogliono un po’ più di informazioni tutto ciò che possiamo davvero dire come medici è che le malattie sono cattive e la prevenzione è buona.
Ma non sappiamo abbastanza per rispondere a tutte le domande dettagliate sui vaccini, né abbiamo il tempo nel corso di un normale check-up di salute per discutere a fondo o sui pro e i contro dei vaccini8.

Per darvi un’idea di come sia un programma di studi di quattro anni in una scuola di medicina negli Stati Uniti, prendiamo l’esempio della University of Texas Southwestern Medical Center a Dallas.
Il primo anno dovrebbe includere anatomia, biochimica, biologia cellulare, embriologia, genetica, comportamento umano, immunologia, neuroscienze e fisiologia9. Nessun corso sulla materia delle vaccinazioni.

Se si guardano le descrizioni per questi corsi on-line e si fa una ricerca con la parola “vaccini” o “vaccinazione”, si ottiene un solo risultato e che è sotto Immunologia. Si legge:

Infine, clinicamente rilevanti forme di disregolazione immunitaria e di intervento sono esplorate, compresi i vaccini, immunomodulatori, ipersensibilità, immunodeficienze, malattie autoimmuni, malattia da trapianto contro l’ospite, il trapianto di immunologia e immunologia dei tumori6.

Questo è tutto. Se si va alle descrizioni on-line per i corsi elencati per il secondo, terzo e quarto anno, 10 11 12 si vedrà una maggiore menzione della parola “vaccino” o “vaccinazione”. Nel curriculum del secondo anno: medicina clinica, microbiologia, patologia, farmacologia, e Supporto vitale cardiaco avanzato. Nulla sui vaccini.
Lista del terzo anno: medicina di famiglia, medicina interna, neurologia, ostetricia e ginecologia, pediatria, servizi di ricovero, rotazione ambulatoriale, psichiatria, chirurgia. Nulla sulla materia dei vaccini.
Elenco del quarto anno: assistenza per malattie acute, cura ambulatoriale e medicina subintensiva. Niente sui vaccini.

Si noti, inoltre, che non vi è alcun corso specifico in Tossicologia, anche se l’argomento potrebbe essere coperto all’interno di un corso di Farmacologia. Si potrebbe pensare che nei corsi sulla tossicologia (in particolare per quanto riguarda i vaccini) possa essere sottolineato, data l’importanza di comprendere gli ingredienti all’interno dei vaccini e il modo in cui interagiscono tra loro. In assenza di questa conoscenza gli studenti di medicina non possono comprendere pienamente il concetto di “tossicità sinergica”. Nel senso che quando si è esposti a due tossine, il livello di tossicità è di gran lunga superiore ai livelli di tossicità additiva delle due tossine”13.

Il biochimico Boyd Haley, un ex professore del College of Pharmacy e presso il Dipartimento di Biochimica dell’Università del Kentucky Medical Center di Lexington, ha espresso disappunto per la mancanza d’istruzione dei medici in tossicologia nella scuola medica. Lui dice:

Posso dirvi, dopo essere stato in un centro medico, avendo insegnato biochimica a studenti di medicina e parlando con centinaia di medici, che essi ricevono una formazione molto scarsa in quanto a tossicologia… voglio dire, nessun corso che sia specificamente progettato. Non capiscono affatto. Essi non sono addestrati per valutare gli effetti tossici di sostanze chimiche, in particolare a livello di ricerca. Non fanno programmi di ricerca, non hanno l’intuizione che dovrebbe sviluppare come necessaria a qualcuno che scriva una tesi di dottorato in tossicologia o biochimica di materiali che inibiscono gli enzimi. Essi non capiscono la scienza e la chimica a quel livello. E certamente i pediatri non lo fanno14.

Così sappiamo che gli studenti di medicina ottengono poca o nessuna conoscenza di scienze vaccinali a scuola. Sappiamo che se non capita di prendere un libro come quello del Dr. Sears “Il libro del vaccino” leggendolo con attenzione, gli studenti di medicina si laureano con una conoscenza dei vaccini che è praticamente inesistente.
Ma che dire del dopo, quando iniziano effettivamente a lavorare come medici nel mondo reale? Non ottengono una sorta di allenamento intensivo in vaccinologia sul posto di lavoro? Secondo Toni Bark, un pediatra con una laurea in medicina al Rush Medical College di Chicago, no.

“Non è che io sapessi molto di vaccini,” dice il Dott Bark. “Frequentando la specializzazione pediatrica in realtà non s’impara qualcosa a riguardo.
Ti viene insegnato il programma vaccinale ed è davvero solo quello che sai sui vaccini. Ti viene insegnato il programma e che questo produce anticorpi e il gioco è fatto. Non si ottiene alcuna informazione sull’immunità innata, e suTh1 e Th2, i rischi… niente di tutto questo.”15

Un altro mito smascherato dagli stessi medici, formatisi in alcune delle migliori scuole di medicina del Paese. La maggior parte dei medici non sono esperti sui vaccini. Non lo sono mai stati. Neanche lontanamente.

Traduzione a cura di Manuela Prascevic

fonte


Riferimenti:

  1. Mercola JM. Vaccination: The Neurological Poison So Common Your Doctor Probably Pushes It. Mercola.com Apr. 11, 2012.
  2. Vaccinology courses: filling a medical education gapVaccines Today Feb. 11, 2014.
  3. Best Medical Schools: ResearchU.S. News & World Report 2015.
  4. Suzanne Humphries, MD. Professional Website, About (Curriculum Vitae).
  5. Humphries S. Smoke, Mirrors, and the “Disappearance” Of PolioInternational Medical Council On Vaccination Nov. 17, 2011.
  6. Humphries S, Bystrianyk R. Dissolving Illusions: Disease, Vaccines, and The Forgotten History. July 27, 2013.
  7. Sears RW. The Vaccine Book: Making the Right Decision for Your Child. Oct. 26, 2011.
  8. Sears RW. Ask Dr. Sears, Inside the Vaccine Book.
  9. University of Texas Southwestern Medical Center. Medical School, Curriculum: Year One.
  10. University of Texas Southwestern Medical Center. Medical School, Curriculum: Year Two.
  11. University of Texas Southwestern Medical Center. Medical School, Curriculum: Year Three.
  12. University of Texas Southwestern Medical Center. Medical School, Curriculum: Year Four.
  13. SafeMinds. Synergistic Toxicity.
  14. Vaccines Are Not Safe. YouTube.com Mar. 13, 2014 (published by 999solomon999).
  15. Toni Bark. YouTube.com Oct. 29, 2014 (published by Anne Dachel).

Leggi anche:

Alla gente dovrebbe essere detto che i vaccini possono avere effetti negativi a lungo termine

Riteniamo che la gente debba essere pienamente informato del fatto che i vaccini possono avere effetti negativi a lungo termine.

Indagare i virus nelle cellule utilizzate per produrre vaccini; e valutare la potenziale minaccia della trasmissione agli uomini

L'FDA ha finalmente disposto analisi approfondite sui virus tumorigenici presenti nelle linee cellulari utilizzate per produrre vaccini ad uso umano.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi