ScalaMercalli – Carbone, gas, petrolio

Scalamercalli di Luca Mercalli linkata per chi non riesce a visualizzare dal sito Rai.tv causa “malfunzionamento” dello script silverlight …


07/03/2015

In questa puntata: carbone, gas, petrolio; sono gli idrocarburi che hanno permesso all’uomo la vertiginosa crescita degli ultimi duecento anni. Ma estrarre queste risorse naturali dal sottosuolo è sempre più difficile e costoso. Inoltre, se si continuerà ad utilizzare i combustibili fossili come si sta facendo oggi, si inquinerà irrimediabilmente il nostro pianeta. Sono infatti le emissioni di gas serra la causa del riscaldamento globale, uno dei più gravi ed immediati rischi ambientali a cui si sta andando incontro. Con Luca Mercalli e i suoi ospiti ci si chiederà come si può vivere in un pianeta surriscaldato e cosa si può fare per evitarlo.

Inoltre, le telecamere di “Scala Mercalli” sono andate negli Stati Uniti, per vedere come il fracking, uno dei più moderni metodi con cui vengono estratti petrolio e gas dal sottosuolo, stia distruggendo il territorio e le comunità che lo abitano.

E in Cina, il paese che negli ultimi 30 anni è cresciuto ed ha inquinato più di tutti, per capire come si vive nelle sue megalopoli e per conoscere gli sforzi che il governo centrale sta facendo per rendere lo sviluppo meno dannoso per l’ambiente.

Ma nel mondo ci sono anche esempi positivi. Come la Danimarca, il paese che prima di tutti gli altri ha capito che bisogna immaginare un futuro libero dai combustibili fossili, e che quel futuro è già alla nostra portata.

E infine in Italia. Anche qui c’è molto da fare e molto si sta facendo, soprattutto in termini di architettura eco-compatibile. Quanto consumano le nostre case e, soprattutto, quanta energia sprecano? Si vedrà come renderle più efficienti, economiche ed ecologiche partendo da “Rhome”, la casa ecologica vincitrice del Solar Decathlon Europe 2014 di Parigi.

Leggi anche:

Francia, il mistero dei bambini nati senza braccia e senza mani

L’agenesia trasversa degli arti superiori riguarda 150 nascite all’anno in Francia...

Lo schifo nucleare

Tra i veri pericoli quello delle scorie nucleari è certamente la conseguenza che più preoccupa.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi