Basso Chienti: il “riscatto dai veleni” che non è mai arrivato

basso-chienti

di Mauro Torresi

Vene di solventi chimici che scorrono sottoterra, da più di 20 anni.

Residui di lavorazione delle calzature sversati abusivamente, penetrati fino alle falde e lì in parte rimasti, nell’attesa di una bonifica che non è ancora arrivata.

E’ la situazione del basso bacino del Chienti, 26 chilometri quadrati, ex sito di interesse nazionale tra le province di Macerata e Fermo. La vicenda inizia nel 1992, quando dalle analisi dei pozzi dell’acquedotto di Civitanova Marche si scoprono livelli allarmanti di tricloroetano, solvente utilizzato per sgrassare i fondi delle scarpe.

Il problema si allarga anche ai comuni di Montecosaro, Morrovalle, Sant’Elpidio a Mare e Porto Sant’Elpidio. In tribunale finiscono nove titolari di imprese accusate del fenomeno inquinante che patteggiano. Con il tempo, cambiano i processi produttivi così come i solventi utilizzati.

Nel 2008, nelle acque di falda analizzate dall’Arpam è il tetracloroetilene il solvente più presente in quantità superiori ai limiti.

E la salute?

Lo studio epidemiologico Sentieri ipotizza un collegamento tra solventi alogenati e malattie dell’apparato urinario. Ma per essere sicuri del rapporto causa-effetto, è necessario uno studio epidemiologico ad hoc che, spiegano dall’Arpam, i comuni non hanno richiesto.

Da quel 1992, ancora impresso nella mente dei cittadini, si è provato più volte a realizzare progetti di bonifica, ma i tentativi non sono andati a buon fine.

Nulla di fatto anche in Parlamento, dove è stata presentata, senza successo, una serie di emendamenti all’ultima legge di stabilità per poter disporre di fondi da destinare alla decontaminazione. Oggi, nel 2016, l’attesa è per la pronuncia della commissione parlamentare d’inchiesta che si sta occupando di questo lungo problema senza risposta.

Questo servizio è un Progetto di fine corso per il biennio 2014-2016 dell’Istituto per la Formazione al giornalismo di Urbino (IFG), pubblicato il 18 marzo 2016.

fonte

Leggi anche:

Considerazioni disarticolate su Greta Thunberg

Sei l'ennesima vittima del mostro liberista...

Francia, il mistero dei bambini nati senza braccia e senza mani

L’agenesia trasversa degli arti superiori riguarda 150 nascite all’anno in Francia...

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi