Basso Chienti: il “riscatto dai veleni” che non è mai arrivato

 

basso-chienti

di Mauro Torresi

Vene di solventi chimici che scorrono sottoterra, da più di 20 anni.

Residui di lavorazione delle calzature sversati abusivamente, penetrati fino alle falde e lì in parte rimasti, nell’attesa di una bonifica che non è ancora arrivata.

E’ la situazione del basso bacino del Chienti, 26 chilometri quadrati, ex sito di interesse nazionale tra le province di Macerata e Fermo. La vicenda inizia nel 1992, quando dalle analisi dei pozzi dell’acquedotto di Civitanova Marche si scoprono livelli allarmanti di tricloroetano, solvente utilizzato per sgrassare i fondi delle scarpe.

Il problema si allarga anche ai comuni di Montecosaro, Morrovalle, Sant’Elpidio a Mare e Porto Sant’Elpidio. In tribunale finiscono nove titolari di imprese accusate del fenomeno inquinante che patteggiano. Con il tempo, cambiano i processi produttivi così come i solventi utilizzati.

Nel 2008, nelle acque di falda analizzate dall’Arpam è il tetracloroetilene il solvente più presente in quantità superiori ai limiti.

E la salute?

Lo studio epidemiologico Sentieri ipotizza un collegamento tra solventi alogenati e malattie dell’apparato urinario. Ma per essere sicuri del rapporto causa-effetto, è necessario uno studio epidemiologico ad hoc che, spiegano dall’Arpam, i comuni non hanno richiesto.

Da quel 1992, ancora impresso nella mente dei cittadini, si è provato più volte a realizzare progetti di bonifica, ma i tentativi non sono andati a buon fine.

Nulla di fatto anche in Parlamento, dove è stata presentata, senza successo, una serie di emendamenti all’ultima legge di stabilità per poter disporre di fondi da destinare alla decontaminazione. Oggi, nel 2016, l’attesa è per la pronuncia della commissione parlamentare d’inchiesta che si sta occupando di questo lungo problema senza risposta.

Questo servizio è un Progetto di fine corso per il biennio 2014-2016 dell’Istituto per la Formazione al giornalismo di Urbino (IFG), pubblicato il 18 marzo 2016.

fonte

Leggi anche:

Lo schifo nucleare

Tra i veri pericoli quello delle scorie nucleari è certamente la conseguenza che più preoccupa.

Dissesto doloso – l’inchiesta di Sky TG24

Reportage da Liguria, Calabria, Sicilia, Sardegna e Lombardia

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi