Finis Austriae – Richard Gerstl

27/03/2012

Richard Gerstl è il figlio “sfortunato” della secessione viennese. Ebbe infatti una vita brevissima (1883-1908: 25 anni). Morì suicida dopo un amore sfortunato con la moglie di quello che era stato il suo grande amico ed estimatore: Arnold Schoenberg. Quando Mathilde dopo una breve fuga con lui decise di tornare in famiglia, lui si uccise nel suo studio. Di lui naturalmente ci resta pochissimo: 60 oli in tutto. Alcuni davvero bellissimi, almeno uno (c’è nel video) un capolavoro assoluto. Si tratta dell’uomo con il lenzuolo bianco e lo sfondo azzurro che è poi il suo autoritratto. Qui, come in alcuni altri quadri, i volti sono aureolati, quasi delle presenze mistiche. C’è grande fascino in tutte le sue composizioni, le ultime che vedrete qui sono invece dedicate alla famiglia Shoenberg.
 

Leggi anche:

Le geometrie del corpo – Euan Uglow

🔊 Leggi questo post 21/05/2013 Euan Ernest Richard Uglow (10 marzo 1932-31 agosto 2000) è …

Donne che dipingono donne – Ruth Shively

🔊 Leggi questo post 20/05/2013 Ruth Shively è originaria del Nebraska, ma attualmente lavora e …

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi