Vittorio Arrigoni, eroe contemporaneo già dimenticato

   

Vik, come lo chiamavano gli amici, era un attivista per i diritti umani. E’ stato per più di dieci anni impegnato come volontario in giro per il mondo, Asia, America Latina, Est Europa, fino ad arrivare in Palestina e a Gaza, dove è stato sequestrato ed ucciso da un gruppo fondamentalista il 16 aprile 2011. Era anche un giornalista, collaboratore de “Il Manifesto” e dai rari internet point (dotati di un generatore autonomo di elettricità) ci raccontava ogni giorno i sanguinosi bombardamenti che subiva il popolo palestinese durante l’attacco israeliano dennominato “Piombo Fuso”. La sua era l’unica voce che giungeva in Italia, e non solo, da quei luoghi dimenticati da tutti. La stampa, leggendo gli articoli del suo blog, non ci faceva giungere notizie certe e veritiere. Tutti i volontari dell’ “International solidarity movement” rappresentano la voce dei senza voce, ma il mondo occidentale e sviluppato sembra non voler ascoltare. L’unica arma di Vittorio Arrigoni era la parola e quindi la testimonianza; tutte le sue corrispondenze le chiudeva con una citazione STAY HUMAN, restiamo umani. Arrigoni non credeva nei confini, nelle bandiere, ma aveva un unica certezza, e cioè quella di appartenere tutti alla stessa razza, quella umana. La sua attività a Gaza inizialmente era quella di sostenere e “proteggere” i pescatori palestinesi, era una protezione simbolica, dato che li proteggeva con il suo stesso corpo, salendo a bordo dei pescherecci che venivano respinti dalla marina Militare Israeliana, evitando l’attacco armato. venne anche arrestato, fu espulso dal Paese (Israele) ma dopo poco ritornò nella sua seconda terra, Gaza.Vittorio Arrigoni attraverso il web seguiva anche le vicende italiane, politica interna, ma soprattutto politica estera che riguardava Gaza o Israele. Dal 2010 gira sul web un video di risposta a Roberto Saviano (portatore di legalità in Italia, ma indifferente alla violazione dei diritti umani dei palestinesi). Saviano era intervenuto in una conferenza Pro-Israele, e non pronunciò una parola a favore del popolo oppresso. Per qualche giorno i maggiori quotidiani e le televisioni nazionali riportarono questa notizia, ma poi ancora il Buio. Il 27 dicembre del 2008 iniziò l’offensiva “Piombo Fuso”. La Stampa internazionale diramò solo notizie provenienti dai comunicati ufficiali Militari Israeliani, infatti nessuno sapeva, prima dell’articolo di Vittorio Arrigoni, che i bombardamenti colpivano soprattutto i civili, e non le “basi terroristiche di Hamas”, nessuno sapeva che durante il primo giorno di bombardamenti persero la vita più di duecento persone. I volontari dell’ > attraverso i loro comunicati ci avvertivano che stavano per fare il deserto e lo avrebbero chiamato pace, ma noi ancora una volta siamo rimasti in silenzio.La sera del 14 aprile 2011 viene rapito da un gruppo terrorista palestinese afferente all’area jihadista salafita, dopo l’uscita dalla palestra di Gaza nella quale era solito recarsi, nello stesso giorno del repimnto viene lanciato un ultimatum chiedendo la liberazione di alcuni detenuti appartenenti alla cellula terroristica dei rapitori. Durante la notte è stato ucciso con una corda (strangolamento). La notizia fece il giro del mondo in poco tempo, e la reazione delle Nazioni Unite fu molto forte, inizialmente, mentre il governo italiano restò impassibile. Al suo funerale parteciparono migliaia di persone provenienti da tutta Europa, ma non vi era nessun rappresentante del governo italiano. Ai funerali dei militari morti durante le “missioni di Pace” si mobilita tutta la nazione, mentre per chi ha “combattuto” salvando vite e schierandosi dalla parte dei più deboli nemmeno un riconoscimento pubblico. Questa è l’Italia. Noi ci schieriamo dalla sua parte, lo consideriamo un eroe contemporaneo, e non vogliamo dimenticarlo. Lo stanno dimenticando anche in Palestina, il processo iniziato sei mesi fa non ha portato ancora a niente, l’ultima udienza, la decima, è durata pochi minuti. Siamo davanti ad un “processo farsa” dove l’ultima cosa che si vuole è scoprire la verità, ma continuiamo a restare muti, come se nulla stesse accadendo, con i mass media che non ne parlano ed il governo italiano indifferente. A questo punto la domanda sorge spontanea, “Ci stiamo dimenticando di restare Umani”? Grazie per l’attenzione. Savria Donato

Leggi anche:

Vaccinazioni: tutela o dittatura delle minoranze

La tutela delle minoranze è d'obbligo in un paese civile, ma è altrettanto d'obbligo che siano rispettati i diritti fondamentali nei confronti di TUTTA la popolazione.

Emiliano Rapposelli – #IONONDIMENTICO

Voltarsi dall'altra parte non è più possibile.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi