L’orgoglio Rosetta

 

rosetta

di Alberto Orioli

Come si dice, quando una navetta spaziale si posa su una stella cometa ?

Conosciamo l’atterraggio, l’ammaraggio, l’allunaggio … ora dovremo impratichirci anche con il brutto neologismo dell’ accometaggio.

Già, perchè è così straordinaria l’avventura dell’ ander  Philae che si posa sulla cometa GCG67P, che non abbiamo nemmeno una parola per descriverla.

L’avventura spaziale della sonda Rosetta, da cui l’ ander si è staccato 2 giorni fa, è una eccezionale prova di lungimiranza strategica perchè iniziata 10 anni fa ed è anche un rilevante campionario di una parte del Made in Italy che troppo spesso tendiamo a dimenticare.

Sono italiani :

  • I sistemi di controllo di bordo della sonda,
  • I sottosistemi dell’ ander,
  • Lo spettrometro che analizzerà le parti solide della cometa,
  • Italiano è il sistema di rilevazione delle polveri,
  • Gli strumenti per i carotaggi,
  • Tutti gli strumenti di simulazione a terra che hanno consentito di formare la squadra del Fight Control.

L’avventura di Rosetta ci insegna che c’è un’Italia della ricerca e della tecnologia poco raccontata, eppure vitale e centrale per il vero rinascimento del nostro paese.

C’è una manifattura legata alla ricerca che vale quattrocento miliardi di esportazioni.

Il Made in Italy è si lusso, moda vini, abbigliamento, mobile e design, ma è anche per il 70% del nostro surplus commerciale frutto di settori quali:

  • L’automazione meccanica (i robot),
  • La produzione di nicchia della chimica, della gomma,
  • La farmaceutica, ove l’Italia ha avuto la più importante performance in esportazione.

Il commercio mondiale si può dividere in circa 5.500 prodotti, in oltre un terzo dei quali l’Italia è tra i primi 5 paesi del mondo.

A volte davvero la materia prima che ci manca è l’ ORGOGLIO.

 

Leggi anche:

Nella tua casa

... aiuto mia moglie a lavare i piatti dopo cena, perché anche io uso quei piatti.

Gb, organi di bambini espiantati senza consenso

In queste ore in Inghilterra si decide la sorte di un bambino "Alfie Evans" ricoverato nell'ospedale Alder Hey...

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi