Numeri senza umanità

migranti-disperati

«Adorato mare … aiutali … non riesco a dire altro, dentro di me prego, non so che altro fare, è vero sono migliaia tantissime migliaia, anche qui in Turchia, pronti a partire e mi riesce solo di pregare il mare che li aiuti, altri morti stamattina, … non so che fare … sto conoscendo persone che arrivano da molto lontano, felici di essere arrivate qui … pronte a partire, che gli dico ?»

Loro non sanno della sorte di chi li ha preceduti.

«Volevo darvi una spiegazione, un racconto non solo di cosa succede in mare ma anche di quello che poi succede loro in Grecia, in Italia o altrove.

Parlando con loro questi giorni, ho rinunciato.

Non possono tornare indietro, hanno venduto tutto quello che avevano, alcuni la casa, le capre i più ricchi, e ora da qui, non si torna.

Sono contenti che non gli abbiano rubato i soldi come invece successo a molti altri.

Alcuni ragazzi si sono offerti di accompagnarli, potrebbero passare la frontiera su piccole barche, su isole più vicine alla costa, alcuni ragazzi Turchi e Greci si sono offerti di accompagnarli ma se li beccano, vanno in galera.

Il viaggio che molti hanno prenotato porta a Rodi, ma è troppo lontana e non sanno su che barche li metteranno.

Li guardo e mi vien da piangere, ma se sono qui oggi probabilmente una ragione c’è.

Vi abbraccio forte.»

Povera gente costretta a fuggire dalle tante guerre e guerriglie del mondo, necessitano di umanità che gli accolga e protegga i loro figli, desiderosi di dare tanto.

Anche questa volta resteranno anonimi, senza un fiore, senza una cerimonia, senza una lapide che i familiari possano piangere, lì in mezzo al Mare Nostrum.

Qualcuno ha spento la luce, lasciando soli questi popoli in balia della voce impersonale di burocrati freddi, archiviati anche dagli incantatori di masse.

C’è da aver paura, se lo spettacolo finisce, c’è da augurarsi che qualcuno trovi il modo per fermare questa strage, un modo per cancellare la vergogna della sopraffazione che, per semplificare chiamiamo guerra.

Evidentemente a voi sta bene cosìa me no, a me fa schifo vivere di questa umanità !!

migranti-disperati-2

Leggi anche:

W la scuola

La mia mamma mi ha nata libera e non è così male essere una pecorella nera...

Una semplice questione di diritti…

Se vivi nel terrore, non hai tempo di pensare ad altro.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi