Lettera di un bambino al ministro dell’istruzione.

“Caro ministro Profumo sono un alunno della quinta e sono contento che sei venuto a visitare la nostra scuola.
Il preside cerca di fare miracoli per noi.
Abbiamo le maestre e di bidelli ce ne sono tre soli in tutta la scuola.
Siamo senza riscaldamenti, abbiamo i bagni rotti, la palestre fuori uso, non abbiamo neanche una stanza per fare progetti.
La classe è sempre sporca, danno una scopata veloce e neanche puliscono i banchi, spesso li puliamo noi.
Abbiamo anche i vetri rotti e i muri scrostati.
Caro ministro questa lettera è per te.
Noi siamo come tutti gli altri bambini.
Se tu avessi figli e nipoti li manderesti in una scuola come questa?”

Leggi anche:

… di una maestra preoccupata

Rivolta a chiunque abbia a cuore il futuro dei bambini (e non solo)

IL DECRETO di David Gramiccioli

La ricostruzione con date e accadimenti di quanto ha portato alla approvazione della legge 119/17

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi