Le fantasie violente

Ho sempre saputo che un giorno avrei ucciso, sapevo che sarebbe finita così. Le fantasie erano troppo forti. Duravano da troppo tempo ed erano troppo elaborate.

Leggi tutto »

Sulla rotta dei migranti

Mercoledì 2 settembre 2015 un bimbo di tre anni muore annegato davanti alle coste turche. Si chiamava Aylan, scappava da Kobane, la città curda assediata dall’Isis. La foto del suo cadavere sulla spiaggia sembra segnare un punto di svolta nella questione dei migranti. La Germania apre le porte ai profughi e altri paesi ne seguono l’esempio. Intanto, nel braccio di …

Leggi tutto »

Una società che si ritiene democratica

Raffaella Bolini, 7 dicembre 2015 FRANCIA. Quando una società che si ritiene democratica (conservatrice o progressista che sia) considera normale fare questo ad altri esseri umani, il fascismo trova la strada spianata. Leggete questo diario di una volontaria nel campo di Calais, nord della Francia, dove più di 7.000 migranti sono bloccati in condizioni disumane. Non da oggi, e non …

Leggi tutto »

Confessione Reporter – l’altro terrorismo

I terroristi filo Isis di Boko Haram al centro del primo di quattro appuntamenti col reportage e l’approfondimento di qualità firmati dall’inviata Stella Pende. «Oggi il mondo è acceso solo sul terrorismo in Europa. I morti di Parigi, Bruxelles e la minaccia su Roma occupano le televisioni e le nostre paure». Con queste parole di Stella Pende, prende il via …

Leggi tutto »

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi