Io sono Libero – Libero Grassi

Il 29 agosto 1991 a Palermo la mafia uccide Libero Grassi, imprenditore di origine catanese reo di aver pubblicato sulle pagine del Giornale di Sicilia una lettera in cui denunciava coraggiosamente e pubblicamente i soprusi e le pressioni subite dalla sua fabbrica.

Senza piegarsi mai a pagare il pizzo, Libero Grassi viene assassinato sotto casa dopo essere stato lasciato da solo a combattere contro la malavita per otto lunghissimi mesi.

L’ultimo anno di vita dell’imprenditore siciliano che per primo ha denunciato apertamente l’esistenza del pizzo, rifiutandosi con feroce ostinazione di sottostare a questa odiosa pratica criminale, diventa quasi una parabola evangelica dell’uomo giusto in solitaria lotta verbale e fattiva contro la mafia e parte delle istituzioni a essa riconducibili, tra il silenzio degli altri commercianti e l’indifferenza dei notabili collusi.

video

Leggi anche:

La strategia (il caso Novartis)

L’indagine avviata dal FBI nel 2016, partita grazie alla collaborazione di informatori della sede greca di Novartis...

La lettera delle Donne Curde al mondo…

... siamo determinate a combattere fino a quando otterremo la vittoria.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi