Blu Notte – La strage di Ustica

 

Le  puntate di BLU NOTTE di Carlo Lucarelli linkate per chi non riesce a visualizzare dal sito Rai.tv causa “malfunzionamento” dello script silverlight …


05/02/2013

Intorno alle 21:00 del 27 giugno 1980, all’improvviso, i radar di Fiumicino collegati al volo di linea 870 dell’Itavia si fanno muti.

Fanno in tempo a registrare l’ultima battuta del pilota e poi più niente. Dagli schermi l’aereo scompare. Dopo alcune ore frenetiche e disordinate ricerche, una tragica certezza: è caduto in mare a nord dell’isola di Ustica.

Ottantuno persone a bordo e nessun superstite. Partono le indagini, si susseguono nel tempo inchieste, processi e perizie che non hanno portato a nessun risultato, per trentatre anni. Oggi una prima verità giudiziaria: la Corte di Cassazione ha stabilito che il DC9 non esplose per una bomba in cabina, come è stato sostenuto da molti, ma venne distrutto da un missile.

Una tesi che ricostruisce definitivamente uno scenario drammatico e inquietante in cui sono entrate in campo conflitti internazionali, con aerei militari che si fronteggiavano in volo quella notte.

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi