L’inchiesta – Baby profughi, l’odissea dei minori stranieri in Italia *

La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


L’inchiesta è un viaggio nel mondo dei baby profughi, ragazzi minorenni non accompagnati che raggiungono l’Italia aggrappati alla pancia di un camion. Arrivano dall’Afghanistan, dal Kosovo, dall’Iraq, sfuggono alla guerra e alla povertà nella speranza di trovare accoglienza e un lavoro. A Venezia c’è il Forte Rossarol, voluto dai Servizi sociali del Comune; a Roma Civico Zero gestito da Save the children… due esempi diversi di accoglienza basata sull’assistenza medico-legale e su gesti concreti, perché “ogni straniero minorenne non accompagnato ha diritto alla protezione, alla salute, all’istruzione e alla tutela dallo sfruttamento”, come recita la Convenzione di New York del 1989. La questione dei respingimenti degli stranieri clandestini dalle nostre coste rischia di toccare anche i minori, i quali arrivano spesso senza documenti rendendo difficile l’identificazione della loro età.

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi