Il Zika virus non è la vera causa della Microcefalia in Brasile

zika
(Photo : Mario Tama | Getty Images)

by Alyssia Navarro – 14/02/2016.

Il focolaio di microcefalia in Brasile, coincidente con la diffusione del virus Zika, continua a confondere il mondo, anche dopo mesi.

Le donne incinte in tutto il mondo sono state invitate a prendere le dovute precauzioni. L’infezione del virus Zika è stato collegato ai neonati nati con malformazione neurologica congenita: Microcefalia.

La notizia tuttavia, recentemente è stata contestata da un gruppo di medici argentini. I sospetti sono che il virus Zika non sia il responsabile dell’aumento dei casi di microcefalia, la causa sembra essere un larvicida utilizzato negli acquedotti brasiliani.

Non è una coincidenza?

Secondo i medici di Crop-Sprayed Towns (PCST), un larvicida chimico che produce malformazioni nelle larve di zanzara è stato utilizzato in Brasile nel 2014 al fine di arrestarne lo sviluppo nei serbatoi di acqua potabile. 

Il prodotto, che è conosciuto come Priproxifene, è stato utilizzato in maniera massiccia dal governo brasiliano con il compito di controllare la popolazione di zanzare nel paese. Il Priproxifene è un larvicida prodotto da Sumitomo Chemical, un’azienda associata a Monsanto [pdf]. Tuttavia, PCST ha fatto riferimento a Sumitomo come filiale della Monsanto.

«Malformazioni rilevate in migliaia di bambini di donne che vivono in zone dove lo stato brasiliano ha usato il Priproxifene nell’acqua potabile non è una coincidenza», ha scritto il PCST [pdf] nella sua relazione.

Il Ministero della Salute brasiliano aveva immesso Priproxifene nei serbatoi di acqua potabile nello stato di Pernambuco. Nella zona, la proliferazione della zanzara Aedes aegypti, che trasporta il virus Zika, è molto alta. 

Pernambuco è anche il primo stato in Brasile ad evidenziare il problema. Si sono verificati il 35% dei casi microcefalia totale del paese.

Il gruppo dei medici argentini sottolinea che durante le passate epidemie di virus Zika, non ci sono stati casi di microcefalia collegati ad esso. Infatti, circa il 75% della popolazione di paesi dove scoppiò l’epidemia di Zika era stato infettato dal virus della zanzara.

In paesi come la Colombia dove sono molteplici le infezioni da Zika, non sono presenti casi di microcefalia collegati al virus.

Il Presidente colombiano ha annunciato che molti dei cittadini del paese sono stati infettati dal virus Zika ma non c’e un singolo caso di microcefalia, da qui i primi dubbi. Alcune donne incinte 3.177 nel paese sono state infettate con Zika, ma il rapporto di PCST ha ribadito che queste donne stanno crescendo feti sani o hanno partorito bambini sani.

Rimangono scettici

Sul suo sito web, la Sumitomo Chemical afferma che il Priproxifene presenta basso rischio per uccelli, pesci e mammiferi.

Tuttavia, le prove sono schiaccianti. Il Washington Post nel mese di gennaio ha riportato che l’esame degli esperti di 732 casi su 4.180 di microcefalia Zika-correlata, più della metà non sono affatto collegati al virus. Solo 270 casi sono stati confermati come microcefalia correlata al virus Zika.

In cima a tutti i sospetti, tuttavia, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è stata prudente a non collegare in modo esplicito Zika alla microcefalia.

«Anche se un nesso causale tra infezione da Zika in gravidanza e microcefalia — devo sottolineare — non è stata stabilita, i riscontri sono estremamente preoccupanti», ha affermato il direttore generale dell’OMS, Margaret Chan.

Nel frattempo, gli scienziati stanno studiando un vaccino per l’infezione della zanzara.

Mentre non vi è ancora alcuna certezza che sia il larvicida a causare microcefalia, il governo locale di Grande do Sul nella parte meridionale del Brasile ha sospeso l’uso del Priproxifene.

Un rappresentante di Monsanto da noi interpellato ha voluto chiarire che la società non vende o produce Priproxifene. 

«Né Monsanto né i nostri prodotti hanno alcun collegamento con lo Zika virus o la microcefalia. Monsanto non produce o vende Priproxifene. Monsanto non possiede la Sumitomo Chemical Company. È, tuttavia, un partner commerciale come altri nella zona», ha detto il rappresentante.

fonte

Leggi anche:

AstraZeneca interrompe la sperimentazione del vaccino COVID-19 a causa di una malattia inspiegabile del partecipante

Un partecipante britannico è risultato affetto da Mielite Trasversa, una sindrome infiammatoria che colpisce il midollo spinale ed è spesso scatenata da infezioni virali, secondo un rapporto del New York Times

CDC coronavirus kit di test sono stati probabilmente contaminati, la revisione federale conferma

... scienziati non hanno controllato a fondo i kit nonostante le "anomalie" durante la produzione.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi