Un piatto di salute – l’inchiesta di Sky

piatto-salute

E’ possibile combattere a tavola le malattie croniche e gravi? E cosa c’è davvero nel cibo che mangiamo ogni giorno? Sky TG24 prova a rispondere a queste domande attraverso l’inchiesta esclusiva “Un piatto di salute”.

Con la voce di esperti e servizi, come possano essere inquinati e di conseguenza nocivi i cibi che mangiamo e quanto possa essere stretto il confine tra medicina e nutrizione nella vita di tutti i giorni.
Lo speciale racconta inoltre l’esperimento del giornalista Pio d’Emilia, corrispondente per Sky TG24 dal Giappone, che ha testato in prima persona gli effetti di un regime alimentare sano ed equilibrato sulla propria salute.

Come sia difficile tracciare la provenienza di carne e pesce e come sia semplice invece compiere frodi, come quella di sbiancare il pesce con l’acqua ossigenata perché sembri fresco; ha documentato come sia possibile la presenza di coltivazioni legali in aree vicine a campi contaminati; ha mostrato gli scarsi controlli sulla tracciabilità dei cavalli da macello; ha raccontato l’esperienza di Filippo Magnini, atleta olimpico che da tempo ha scelto di non mangiare carne e, infine, è andata in alcune zone della Sardegna, per scoprire le abitudini alimentari di una delle popolazioni tra le più longeve al mondo.

Parte prima:

Parte seconda:

Parte terza:

“Guarire” con la dieta, l’esperimento di Pio D’Emilia:

Veronesi: prevenzione dei tumori è legata all’alimentazione:

fonte

Leggi anche:

Infanrix Hexa e morte improvvisa: una revisione dell’aggiornamento dei rapporti periodici della sicurezza presentati all’Agenzia Europea per i Medicinali

Ci sono stati diversi rapporti spontanei di morte improvvisa inattesa subito dopo la somministrazione di Infanrix Hexa

Le iniezioni sottocutanee di alluminio (sali), usato come adiuvante nei vaccini, attivano i geni immunitari innati nel cervello del topo che sono omologhi ai biomarkers dell’autismo

I meccanismi sottostanti alla neurotossicità dell'alluminio come adiuvante nei vaccini sono stati studiati.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi