Morbillo, né sconfitto né dimenticato

by BMJ – 25 settembre 2018

L’esposizione al virus selvaggio vs artificiale del morbillo non sono uguali

C’è un fatto raramente considerato dai funzionari della sanità pubblica: la vaccinazione non è un intervento che elimina l’esposizione alla malattia per gli individui. La vaccinazione sostituisce l’esposizione al virus selvaggio con l’esposizione al virus artificiale e non è uguale. Dopo molti decenni in campagne di vaccinazione di massa, ed è allarmante che la comunità medica e scientifica non faccia un passo indietro per esaminare l’impatto complessivo sulla salute pubblica e individuale per vedere se le strategie attuali debbano essere rivalutate, l’attenzione è rivolta a coloro che chiedono o rifiutano la vaccinazione.

Gli esperti hanno riconosciuto che l’attuale vaccino contro il morbillo non può eradicare il morbillo a causa di un fallimento primario e secondario [1]. Gli studi hanno rilevato che la concentrazione e la durata della protezione anticorpale materna per i neonati con madri vaccinate è inferiore e più breve della protezione fornita da madri non vaccinate [2], e si è scoperto che una terza dose di MMR non può aumentare la protezione nel tempo [3], lasciando la maggior parte degli adulti non protetti. Siamo entrati in un’era di vaccinazione di neonati vulnerabili e di anziani più vulnerabili, popolazioni che erano state protette quando il morbillo è circolato naturalmente. È un enigma complesso, e non si può solo accusare chi rinuncia alla vaccinazione. Per la stragrande maggioranza dei bambini sani che possono facilmente gestire un caso di morbillo durante l’infanzia, la vaccinazione non fornisce alcun vantaggio personale e li espone solo al rischio di lesioni da vaccino e alla vulnerabilità al morbillo nell’età adulta.

L’industria farmaceutica non rende disponibile un vaccino singolo contro il morbillo, resta quindi il solo controverso trivalente MMR che sembra non aver avuto nessun test clinico. Il vaccino MMR contiene DNA fetale frammentato nella porzione di rosolia, che alcuni trovano moralmente discutibile e altri medicalmente problematico a causa del potenziale di autoimmunità e mutagenesi inserzionale [4]. Inoltre, il vaccino è altamente contaminato con il glifosato dalla gelatina [5] e non ci sono studi che dimostrino che l’iniezione di glifosato sia sicura o come possa alterare la risposta immunitaria agli altri ingredienti. Aggiungete che Merck è stato accusato di falsificare l’efficacia della porzione di parotite del loro vaccino [6] e, Houston, abbiamo un problema.

Vaccinare il 100% della popolazione non elimina il dubbio del fallimento o del rischio del vaccino. L’OMS ha scelto un obiettivo di sradicamento globale prima di avere uno strumento sicuro in grado di realizzarlo. Piuttosto che spingere per una maggiore copertura vaccinale, tempo e denaro sarebbero spesi molto meglio nell’implementare programmi di diagnosi e notifica rapida usando nuove tecnologie che sfruttino il buon vecchio rilevamento e isolamento,  ricercare i trattamenti per morbillo migliori e più sicuri e costruire le basi di un’immunità sana in comunità povere: acqua pulita, servizi igienici adeguati e un’alimentazione adeguata.

fonte: https://www.bmj.com/content/362/bmj.k3976/rr-11

Riferimenti:

[1] Polonia, Gregory A e Robert M Jacobson. “Il riemergere del morbillo nei paesi sviluppati: il tempo di sviluppare i vaccini contro il morbillo della prossima generazione?” Vaccine vol. 30,2 (2012): 103-4.

[2] Waaijenborg, et al. “Calo di anticorpi materni contro morbillo, parotite, rosolia e varicella in comunità con copertura di vaccinazione contrastante.” OUP Academic, Oxford University Press, 8 maggio 2013, academic.oup.com/jid/article/208/1/10/796786 .

[3] Fiebelkorn AP, Coleman LA, Belongia EA, et al. Risposta anticorpale anti-virus virulente, immunità cellulo-mediata e avidità degli anticorpi IgG prima e dopo una terza dose di vaccino anti-morbillo-parotite-rosolia nei giovani adulti. Il diario delle malattie infettive. 2016; 213 (7): 1115-1123. doi: 10.1093 / infdis / jiv555.

[4] Deisher, TA, et al. “Rapporto epidemiologico e molecolare tra la produzione di vaccini e la prevalenza del disturbo dello spettro autistico”. Questioni in diritto e medicina., US National Library of Medicine, 2015, www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26103708.

[5] Honeycutt, Zen. “Glifosato nei vaccini infantili”. Mamme in tutta l’America, www.momsacrossamerica.com/glyphosate_in_childhood_vaccines.

[6] Salomone, Lawrence. “Merck ha qualcuno che spiega le sue dichiarazioni sui vaccini MMR”. HuffPost Canada, HuffPost Canada, 27 novembre 2014, www.huffingtonpost.ca/lawrence-solomon/merck-whistleblowers_b_5881914.html.

Conflitti di interesse: nessun conflitto di interesse.

Leggi anche:

Alla gente dovrebbe essere detto che i vaccini possono avere effetti negativi a lungo termine

Riteniamo che la gente debba essere pienamente informato del fatto che i vaccini possono avere effetti negativi a lungo termine.

Indagare i virus nelle cellule utilizzate per produrre vaccini; e valutare la potenziale minaccia della trasmissione agli uomini

L'FDA ha finalmente disposto analisi approfondite sui virus tumorigenici presenti nelle linee cellulari utilizzate per produrre vaccini ad uso umano.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi