Cosa sta succedendo a Yellowstone?

yellowstone

Il 30 marzo scorso a Yellowstone, il Parco Nazionale del Wjoming negli Stati Uniti, c’è stata una forte scossa di terremoto di magnitudo 4.8, la più forte negli ultimi 34 anni.

Da quel momento molti blogger americani hanno iniziato a discutere di quello che in realtà sta succedendo a Yellowstone riportando il fatto che molta gente (negli ultimi giorni) sta postando dei video su YouTube come testimonianza che gli animali stanno letteralmente “scappando” dal Parco. Un esempio può essere questo video datato 20 marzo.

Il sito “The epoc times” ipotizza che gli animali stiano scappando per una ragione, riportando la testimonianza di Jay Lee, un famoso blogger, che ha trovato questo video e ha iniziato a farlo girare sottolineando di non poter esprimere un’opinione certa su quello che sta accadendo.

Yellowstone è il più antico parco nazionale del mondo, ed è stato dichiarato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1978.

Sotto al parco di Yellowstone si trova un “supervulcano” (una grande caldera), che l’anno scorso si è scoperto essere 2 volte più grande di quanto si pensasse, che non erutta da oltre 640mila anni e si pensa possa prima o poi esplodere di nuovo provocando gravissimi danni.

“Sarebbe un evento globale” ha detto Jamie Farrell dell’Università dello Utah alla Associated Press lo scorso anno.

Secondi altri blogger, invece, la US Geological Survey che controlla la zona non sta dando valore e non sta diffondendo le notizie di alcune scosse che, si presume, siano arrivate a quota 1000 nell’ultimo anno. Insomma, quasi una teoria per cui esiste un complotto. Ma gli esperti dicono che un eruzione imminente è alquanto improbabile.

 fonte

Leggi anche:

L’epidemia vera non è quella per cui vendono i vaccini!

La differenza sta nella nostra libertà: ancora possiamo reagire, parlare, lottare, contrastare questi poteri. E abbiamo il dovere di farlo.

Una mamma vegana alla sua bambina

Il tuo impatto ambientale sarà molto più leggero su questa fragile terra.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi