L’inchiesta – La vita per una notizia *

La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Cronisti nel mirino delle mafie

“Non va bene quello che scrivi, questo è l’ultimo avvertimento” è solo una delle minacce inviate a uno dei cronisti minacciati dalla mafia che collabora con dei quotidiani di Gela in Sicilia. L’inchiesta di Rainews da voce ai tanti giornalisti che vengono presi di mira quotidianamente per il loro lavoro di denuncia. Chi lavora in un piccolo giornale rischia sicuramente di più, specialmente nel mezzogiorno, dove le mafie sono radicate ed è inevitabile finire a cozzare con i suoi interessi. Quello dei giornalisti minacciati è un fenomeno dilagante di cui nessuno parla a parte pochi nomi noti. L’ultimo rapporto dell’Unesco denuncia che l’80% dei 125 giornalisti uccisi nel mondo nel 2008-2009, non erano corrispondenti di guerra ma cronisti locali che facevano inchieste. Ma anche in Italia negli ultimi 5 anni hanno subito delle minacce ben 800 giornalisti. Ma un modo per tappare la bocca ai cronisti scomodi dei piccoli giornali avviene ormai sempre più spesso anche attraverso l’uso intimidatorio delle querele e delle cause civili.

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi