Lucarelli Racconta – La mala del Brenta

 

Le  puntate di Lucarelli Racconta di Carlo Lucarelli linkate per chi non riesce a visualizzare dal sito Rai.tv causa “malfunzionamento” dello script silverlight …


27/12/2010

Su segnalazione dei rispettivi difensori, si rende necessario un aggiornamento della puntata La mala del Brenta in onda il 27.12.2010: La sentenza della Corte d’Appello di Venezia del 14.12.2010 ha assolto il Maresciallo Ros dei Carabinieri, Angelo Paron, dall’accusa di associazione per delinquere di stampo mafioso (416-bis c.p.) per non aver commesso il fatto, mentre ha confermato la condanna per il capo di imputazione relativo alla cessione a Felice Maniero di tre chili di eroina; La stessa sentenza ha assolto l’ispettore di Polizia Antonio Papa dall’accusa di associazione per delinquere di stampo mafioso (416-bis c.p.) per non aver commesso il fatto.

E’ una strana storia quella della Mala del Brenta, come è strana la storia del suo capo, Felice Maniero di Campolongo Maggiore, un piccolo paese di una zona povera e di emigrazione. E’ una storia di spietati criminali che, tra la fine degli anni ’70 e la metà degli anni ’90, mette insieme decine di omicidi, centinaia di rapine, quintali di droga, enormi somme di denaro, e poi servitori dello Stato corrotti, tradimenti, pentimenti, processi e anni di galera. E’ una storia simile a tante già raccontate, in Sicilia, in Calabria, in Campania. Sembra la storia della Banda della Magliana, solo che questa non si svolge al sole del Sud e neanche sotto le luci dei nightclub di Roma. Si consuma a Nord, tra le nebbie del Nord Est, soprattutto in Veneto. E come tutte quelle storie anche questa non è soltanto una storia di gangster.

 

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi