L’inchiesta – In nome del Popolo Campano *

La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Regionali 2010, l’ombra dei brogli sulle urne

Cinquemila schede elettorali già votate sequestrate a Casal di Principe alla vigilia delle elezioni. Schede in bianco nelle mani di pregiudicati assunti in nero in una delle tipografie “super controllate” che stampano materiale elettorale sensibile. Sullo sfondo il solito campionario di piccole e grandi compravendite di voti che da sempre rende la Campania un laboratorio naturale per gli strateghi del voto di scambio. Ma questa volta c’è anche di più. Le elezioni 2010 per il Consiglio regionale sarebbero state viziate anche da “palesi alterazioni della volontà popolare”. Brogli vengono denunciati da Francesco Barbato, un candidato della lista “Noi Sud” sopravanzato per soli otto voti dal compagno di partito Raffaele Sentiero. Sarà la magistratura a stabilire se in queste elezioni qualcuno ha giocato sporco. Se è davvero il Popolo Campano a scegliere i suoi rappresentanti.

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi