L’inchiesta – Quirra, l’agnello a due teste

La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Un agnello nato con due teste, nelle cui ossa sono state trovate “tracce di uranio non naturale”, potrebbe confermare l’ipotesi che tra Perdasdefogu e Quirra siano state utilizzate armi con materiale radioattivo. Si tratta di un nuovo elemento di indagine per la Procura della Repubblica di Lanusei, che indaga sul presunto utilizzo nel poligono sardo di armi con uranio impoverito, e che le scorse settimane ha deciso di far riesumare una ventina di allevatori, morti fra il 1995 ed il 2010 a causa di tumori, per accertare se vi siano contaminazioni da sostanze radioattive

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi