Le mie storie – Alessandro Vittozzi

LeMieStorie

E’ stato pubblicato il primo libro di favole e poesie del piccolo Alessandro.


L’opera è fruibile sul sito MIOTONICI IN ASSOCIAZIONE

… ho iniziato a raccontare favole ad Alessandro quando aveva 6 mesi, anzi credo che lui abbia ascoltato favole sin da quando era in pancia.

Raccontavo al fratellino la favola del Re Leone, di Pinocchio e credo che non sia un caso che anche Alessandro le ami tanto.

Alessandro dai sei mesi, quindi, si è nutrito di pappe e favole, impasticciato libri di spugna, mordendoli prima con le sue gengive e poi buttandoli dal sediolone per apprendere la dimensione della profondità.

L’amore per i libri è stato istintivo e nutrito dalla sua famiglia.

Poi dai 7 anni e mezzo – per essere precisi come ama lui- anzi “e poi” avverbio che ricorre spesso nelle sue favole, ha iniziato a scriverle lui, mescolando come in un contenitore  fantastico ciò che più lo aveva colpito delle sue letture, con le paure e i desideri del suo mediare quotidiano tra la sua infanzia e il suo disagio.

Nelle sue favole si notano tutti i desideri, le emozioni di un qualsiasi bambino …

A volte capita che un procione si diverta a scappare, ma gioisce sempre nel diventare un ragazzo perbene!

Fuori, puoi incontrare tanti ma è sempre una gioia ritornare a casa.

Dopo uno spavento o una vittoria si torna sempre in famiglia. Si esce dal guscio per esplorare il mondo.

Ogni regalo è scintillante, come un desiderio che si realizza nel paese delle favole.

Come dire, l’infanzia prima di qualsiasi particolarità…

Ci auguriamo che queste semplici favole scritte da un bambino per altri bambini possano aiutare anche noi adulti ad elaborare il timore di lasciare una casa rassicurante, la propria infanzia…

 

Leggi anche:

Perché è importante parlare mantenendo alta la testa?

Un estratto dell'evento di Napoli del 17 luglio 2022...

L’inutile tirannia Italiana del Covid Pass

... in Italia accade che una psicosi di massa acceca i politici e le persone comuni, impedendo loro di vedere la verità.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi