L’inchiesta – Islanda, quando tutto cambiò nell’isola felice

La trasmissione L’inchiesta linkata dal sito RaiNews24


Perdita del lavoro, piccoli investitori che hanno visto dissolversi i risparmi di una vita, famiglie che non riescono più a pagare il mutuo per la casa e cominciano ad avere problemi per fare la spesa.

Sono solo alcune conseguenze per la società islandese ad una settimana dal grande ‘crack‘ che ha visto fallire le principali banche e portato il Paese sull’orlo della bancarotta. In questi anni l’Islanda era diventata la camera di compensazione per gli investimenti speculativi: altissimi rendimenti, grande rischio.

Tutto è andato bene fino a che i mercati erano in crescita ma appena è iniziata la bufera finanziaria in tutto il mondo le istituzioni finanziare del paese ‘dei ghiacci’ hanno subito un tracollo immediato: la divisa nazionale, la corona, ha perso circa l’80 per cento del suo valore, la borsa è scesa in un giorno del 70 per cento e le banche hanno chiuso i battenti. Ora l’Islanda e’ sola. Nell’inchiesta le testimonianze di semplici cittadini, economisti, operatori e rappresentati del governo che spiegano la più grave crisi della loro storia.

 

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi