Blu Notte – L’anomalia sarda *

Le  puntate di BLU NOTTE di Carlo Lucarelli linkate per chi non riesce a visualizzare dal sito Rai.tv causa “malfunzionamento” dello script silverlight …


14/01/2009

In Sardegna la criminalità ha origini antiche. E anche questa, come tutto ciò che appartiene a quest’isola di straordinaria e ruvida bellezza, ha dei connotati assolutamente particolari. In alcune zone si rispetta un ordinamento di regole alternativo a quello dello stato: il codice barbaricino, un insieme di norme millenarie, vincolanti e assolutamente immutate nel tempo.

I sequestri sono sempre stati il fulcro economico dell’attività criminale, che l’Anonima Sarda attua, ai danni di adulti e bambini. Decine e decine tra imprenditori, parenti di imprenditori, personaggi dello spettacolo, hanno vissuto un’esperienza di violenza e sopraffazione, dopo la quale è quasi impossibile riprendere un normale cammino di vita.

Carlo Lucarelli, in questa nuova puntata di Blu Notte sulla Sardegna, approfondisce ancora una volta i temi del crimine organizzato, ricostruendo storie di sequestri piu’ o meno eccellenti e raccontando l’autonomia di questa organizzazione criminale dagli apparati politici e istituzionali, a differenza delle altre mafie italiane, evidenziando quindi l’anomalia sarda.

Leggi anche:

Report – La frazione di Prosecco

Dal 2009 un decreto ministeriale ha stabilito che l’uva chiamata prosecco per legge sin dal 1969 dovesse cambiare nome e diventare glera.

Calabria: una nuova terra dei fuochi?

Il mistero della scomparsa della nave Rigel e l'omicidio del Capitano De Grazia possono portare alla luce una verità scomoda.

Lascia un commento

Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi